Protesta dei corridori, accorciata la 19a tappa del Giro d’Italia

Mattina agitata a Morbegno dove era fissata la partenza della 19a tappa del Giro d’Italia che prevedeva un percorso di 258 chilometri fino ad Asti quasi tutti sotto la pioggia: i corridori, rappresentati da Adam Hansen, hanno infatti attuato una sorta di protesta (ma non tutti erano d’accordo) proprio per l’eccessiva lunghezza e le difficili condizioni meteo e, dopo trattative con l’organizzazione, hanno ottenuto un accorciamento sensibile della frazione odierna. Tutte le operazioni di partenza si sono svolte regolarmente a Morbegno, ma dopo aver simulato un via fittizio, il gruppo si è diretto verso gli autobus delle squadre: i corridori hanno ottenuto di fare un trasferimento di circa 130 chilometri sui vari pullman fino ad Abbiategrasso, dove è stata allestita la nuova partenza per affrontare gli ultimi 124 chilometri del percorso originale.

Archivio

La vignetta di Pellegrini

Versione stampabile