Riccardo Verza © www.photors.it
Riccardo Verza © www.photors.it

La Zalf completa l’organico con il ritorno di Riccardo Verza

La Zalf Euromobil Désirée Fior che nel 2021 avrà licenza UCI Continental ha completato il proprio organico con l’inserimento del padovano di Este, Riccardo Verza.

Si tratta di un gradito ritorno quello che i patron Gaspare Lucchetta ed Egidio Fior hanno messo sotto l’albero di Natale per i tecnici Mauro Busato, Ilario Contessa e Gianni Faresin: Riccardo Verza, infatti, aveva già vestito nel 2019 la maglia della storica formazione trevigiana conquistando un successo a Capannori (Lu) e altri quattro piazzamenti sul podio.

Classe 1997, passista scalatore di razza, dopo aver militato nel team spagnolo Kometa Xstra nella stagione appena conclusa, Verza torna dunque alla corte della Zalf Euromobil Désirée Fior per mettere a disposizione la propria esperienza e le proprie qualità in una annata di grandi novità come si preannuncia il 2021.

Con l’innesto di Riccardo Verza, si completa così l’organico di 16 atleti allestito dai dirigenti bianco-rosso-verdi. A dare il benvenuto all’atleta padovano è stato il ds Gianni Faresin“Riccardo è un ragazzo che ha una grande visione di corsa e che, anche in questo 2020, nonostante non abbia avuto la possibilità di gareggiare con continuità ha saputo mettersi in luce in alcuni appuntamenti di primo piano. La sua combattività e la sua intelligenza tattica sarà molto utile al nostro team, sono certo che saprà essere un punto di riferimento anche per i più giovani elementi della nostra rosa”.

Determinato a dare il meglio di sè, Riccardo Verza ha aggiunto: “Tornare alla Zalf Euromobil Désirée Fior per me è un pò come tornare a casa. Qui due anni fa, grazie alla fiducia dello staff e al lavoro svolto con tutta la squadra, sono riuscito a riscattarmi dopo alcune stagioni che non mi avevano regalato le soddisfazioni che avrei voluto. Rispetto al 2019 mi sento più maturo e credo di essere pronto per provare a staccare il biglietto per il professionismo onorando al meglio questa storica maglia”.

(Comunicato stampa)

Archivio

La vignetta di Pellegrini

Versione stampabile