Caleb Ewan vince allo UAE Tour © UAE Tour
Caleb Ewan vince allo UAE Tour © UAE Tour

UAE Tour, l’epilogo premia Caleb Ewan. Nella generale svetta Tadej Pogacar

La settima e ultima tappa dell’UAE Tour, la Yas Mall-Abu Dhabi Breakwater di 147 km, è terminata come da attese in volata. Ma non è stata affatto una frazione banale: fra tentativi di ventagli e una caduta che ha coinvolto, fra gli altri, Adam Yates, c’è stata poca tranquillità.

Con una grande rimonta, Caleb Ewan è andato a conquistare la prima affermazione della sua stagione. L’australiano della Lotto Soudal ha preceduto l’irlandese Sam Bennett (Deceuninck-Quick Step), a cui è mancato tanto così per chiudere con un tre su tre nelle volate disputate negli Emirati.

Seguono in top ten il tedesco Phil Bauhaus (Bahrain-Victorious), il danese Michael Mørkøv (Deceuninck-Quick Step), il neerlandese Cees Bol (Team DSM), il tedesco André Greipel (Israel Start-Up Nation), l’italiano Andrea Vendrame (AG2R Citroën Team), lo sloveno Luka Mezgec (Team BikeExchange), l’italiano Riccardo Minali (Intermarché-Wanty Gobert) e il kazako Yevgeniy Gidich (Astana-Premier Tech).

Grande festa per i padroni di casa, dato che la classifica generale viene vinta con pieno merito da un rappresentante della UAE Team Emirates. Tadej Pogacar inizia al meglio il suo 2021, nel quale cercherà di confermare la maglia gialla al Tour de France: il giovane sloveno, vincitore a Jebel Hafeet, sale sul podio assieme al britannico Adam Yates (Ineos Grenadiers) e al portoghese João Almeida (Deceuninck-Quick Step), lontani rispettivamente 35″ e 1’02”.

In una top ten totalmente condizionata dai ventagli della frazione inaugurale trovano spazio l’australiano Chris Harper (Team Jumbo-Visma) quarto a 1’42”, lo statunitense Neilson Powless (EF Education-Nippo) quinto a 1’45”, il sorprendente danese Mattias Skjelmose Jensen (Trek-Segafredo) a 2’37”, il siciliano Damiano Caruso (Bahrain-Victorious) settimo a 2’39”, il lombardo Mattia Cattaneo (Deceuninck-Quick Step) ottavo a 3’53”, lo spagnolo Rubén Fernández (Cofidis) nono a 4’13” e il lombardo Fausto Masnada (Deceuninck-Quick Step) decimo a 6’30”.

Archivio

La vignetta di Pellegrini

Versione stampabile