Si correrà il 20 luglio il Gp Palio del Recioto © Riccardo Scanferla - Photors.it
Si correrà il 20 luglio il Gp Palio del Recioto © Riccardo Scanferla - Photors.it

Ritorna la corsa dei sogni: i migliori Under 23 si sfidano nel Palio del Recioto

L’appuntamento con il 59° Gp Palio del Recioto – Trofeo C&F Resinatura Blocchi si avvicina. Mancano otto giorni allo start ufficiale del 20 luglio che verrà dato, come da tradizione, dal cuore di Negrar di Valpolicella (Verona). L’edizione 2021 della corsa dei sogni si svolgerà in un contesto diverso da quello cui gli appassionati sono abituati: il rinvio dovuto alla pandemia farà si che, per la prima volta in oltre mezzo secolo di storia, il Gran Premio Palio del Recioto si svolga nel cuore dell’estate.

Un lavoro che dura da mesi, quello del Valpolicella Best. Per l’edizione numero 59 è stato messo a punto un nuovo e affascinante tracciato di gara che, con il tratto di trasferimento iniziale, misurerà 151 chilometri per un dislivello di circa 3.000 metri. Percorso impegnativo, come vuole la tradizione, dunque, quello che nella prima parte comprende sei tornate del circuito di 18,6 km caratterizzato dalle salite del Colle Masua e di Jago.

Completati i primi 107 chilometri, la corsa proseguirà salendo verso Torbe dove si svolterà a sinistra per imboccare il Muro di Via Tezol. Una lingua di cemento di poco più di 500 metri che consente di salire la cresta e portarsi sul falsopiano che conduce verso Marano di Valpolicella e da qui scendere a Valgatara, attraversando San Floriano, Pedemonte e Santa Maria per ritornare nel comune di Negrar, transitando ancora sotto il portale d’arrivo, per la prima volta in direzione nord.

Dopo aver attraversato le strade che hanno caratterizzato il Palio del Recioto nell’ultimo decennio, resteranno da affrontare gli ultimi inediti ed esigenti 21 km che condurranno il gruppo dei migliori a Mazzano; da qui si imboccherà la strada comunale che si inerpica tra le impervie vette della Valpolicella, caratterizzata da piccole località come quella di Saline, sino a raggiungere Fiamene. Quindi si svolterà per scendere nel cuore di Fane e salire nuovamente verso Prun.

Da qui al traguardo finale, solo una lunga discesa che transiterà ancora una volta per la Curva del Ferar prima di approdare nel cuore di Negrar, dove, nella centrale via Giuseppe Mazzini, il pubblico attenderà di incoronare il successore di Matteo Sobrero che si è aggiudicato l’edizione 2019 della corsa dei sogni.

Archivio

La vignetta di Pellegrini

Versione stampabile