Elisa Longo Borghini e compagne al Giro Rosa © Trek-Segafredo
Elisa Longo Borghini e compagne al Giro Rosa © Trek-Segafredo

La Trek-Segafredo vince a Grosseto: Elisa Longo Borghini prima leader del Giro Rosa

La 31esima edizione del Giro Rosa è scattata oggi da Grosseto con una cronometro a squadre di 16.8 chilometri chiamata a creare subito le prime differenze tra le favorite per la vittoria finale: il percorso era completamente pianeggiante e caratterizzato anche da lunghi rettilinei su cui fare grande velocità, e solo poche curve e rotonde in cui le atlete dovevano toccare i freni. Il miglior tempo tra le 23 squadre in gara è stato quello della Trek-Segafredo che ha fermato il cronometro in 20’05” a circa 50.1 km/h di media.

Una prestazione notevole quella della Trek che ha portato la nostra Elisa Longo Borghini a vestire la prima maglia rosa della corsa e la prima maglia rosa della sua carriera; erano 12 anni che una ciclista italiana non vestiva il simbolo del primato al Giro Rosa. Ma le principali favorite di questa edizione del Giro d’Italia Femminile sono tutte lì: Anna van der Breggen ha chiuso seconda con la sua Boels-Dolmans a soli 3″ di ritardo, e forte è andata anche la Mitchelton-Scott che ha fatto segnare il terzo tempo a soli 5″ dalla vincitrici e che ha messo Annemiek van Vleuten in un’ottima posizione per puntare al tris.

Questa cronosquadre velocissima ha portato a distacchi molto contenuti nelle prime posizioni: tolto il podio racchiuso tutto in soli 5″, poco più indietro troviamo l’Equipe Paule Ka che è stato trascinato da una grande Marlen Reusser fino al quarto posto a soli 10″, ritardo di 14″ per il Team Sunweb, mentre la Canyon-SRAM non è riuscita a replicare la vittoria dell’anno scorso e si è dovuta accontentare del sestoo posto a 16″, comunque non male per Katarzyna Niewiadoma.

Dalla settima posizione in poi i distacchi si sono fatti un poco più ampi. Il trio della CCC-Liv formato da Marianne Vos, Ashleigh Moolman e Soraya Paladin paga già 42″ nei confronti di Elisa Longo Borghini; Erica Magnaldi (Ceratizit) è a 43″ mentre il Giro inizia in salita per Cecilie Uttrup Ludwig (FDJ) che si trova già a 1’19” dalla testa. Nell’ordine d’arrivo la miglior squadra italiana è stata la Alé BTC Ljubljana che avrà Tatiana Guderzo e Mavi García come donne di classifica: per le giallo-fluo nono posto a 49″ dalla Trek-Segafredo.

Archivio

La vignetta di Pellegrini

Versione stampabile