L'annuncio di Dylan Teuns alla Israel © Israel-Premier Tech
L'annuncio di Dylan Teuns alla Israel © Israel-Premier Tech

Teuns, Kristoff, Merlier e i primi colpi del mercato

I capitani per ora non si muovono, ma diverse squadre si stanno rinforzando: su tutte Groupama, Intermarché e BikeExchange. Van Baarle verso la Jumbo, Hermans e Conci in Alpecin, Zana va in Australia

In un periodo di stallo senza grandi corse come quello che sta attualmente vivendo il ciclismo, tra la Grande Boucle terminata e la Vuelta in rampa di lancio, a prendersi la scena è il ciclomercato, aperto ufficialmente il primo agosto. Nonostante i movimenti siano iniziati da poco meno di dieci giorni, alcuni grossi colpi sono già noti e meritevoli di essere riportati.

Il primo trasferimento in assoluto è stato quello di Alexander Kristoff; l’esperto norvegese approderà alla migliore squadra del proprio paese, l’Uno-X Pro Cycling Team, con un contratto triennale, abbandonando così dopo una sola stagione l’Intermarché Wanty-Gobert Matériaux. Proprio la compagine belga è tra le più attive in questa sessione di mercato e già durante l’inverno era stata protagonista della vicenda Tormans, risolta nei mesi scorsi. Il team guidato da Hilaire Van Der Schueren a partire dal 2023 si rafforzerà grazie agli otto acquisti di Rui Costa (dalla UAE), Dries De Pooter (Hagens Berman), Rune Herregodts e Arne Marit (attualmente alla Sport Vlaanderen-Baloise), Madis Mihkels (talentuosissimo estone classe 2003), Tom Paquot e Laurenz Rex (Bingoal Pauwels Sauces WB) e soprattutto di Mike Teunissen (Jumbo-Visma). Di contro, oltre a Kristoff, perderà Jan Hirt (il ceco si accaserà alla Soudal Quick-Step di Lefevere) e Quinten Hermans, il quale ha trovato l’accordo con la Alpecin-Deceuninck, con la quale esordirà già il primo gennaio al cross di Baal. Sono inoltre probabili altre cessioni che verranno ufficializzate solamente nelle prossime settimane.

La stessa Alpecin di Mathieu van der Poel non è rimasta a guardare e dopo aver firmato il colpaccio Hermans si è guadagnata la fiducia di Søren Kragh Andersen (DSM), Kaden Groves (l’australiano abbandonerà dunque la BikeExchange-Jayco, altra squadra che sta facendo parlare di sé in questi primi giorni di mercato) e Jensen Plowright (Groupama-FDJ Conti). Inoltre Nicola Conci farà il salto dal Development Team alla prima squadra. Reparto per le classiche a supporto del due volte vincitore del Fiandre decisamente rimpolpato. A perdere qualcosina sarà invece il settore volate, dove l’arrivo di Groves non bilancia l’addio di Tim Merlier, il quale ha scelto come sua prossima destinazione la corte di Lefevere.
Con l’arrivo di Casper Pedersen dalla DSM, pensato per non rimanere scoperti in quanto a pesci pilota nel momento del ritiro di Michael Mørkøv, il mercato della Quick-Step in entrata dovrebbe essere concluso: rimane ora da decidere qualche cessione come, ad esempio, quella del ceco Zdenek Stybar che dopo dodici anni cambierà ambiente.

Oltre all’Intermarché e alla Alpecin anche la BikeExchange-Jayco è scatenata e in soli nove giorni ha già ufficializzato sei innesti, tutti di peso: Eddie Dunbar dalla Ineos, Felix Engelhardt dal Tirol KTM Cycling Team, Chris Harper dalla Jumbo, Rudy Porter e Blake Quick dalla Trinity. E soprattutto accoglierà tra le proprie fila il campione italiano Filippo Zana, finalmente giunto nel mondo del WorldTour. A parte Groves non sono note altre cessioni, ma tra probabili ritiri e incombenti addii il mercato della squadra australiana non è ancora concluso.

La Groupama-FDJ punta tutto sul proprio, ottimo, team di sviluppo e dal 2023 risulterà notevolmente svecchiata a causa dell’abbandono di diversi fedelissimi e dall’arrivo di sette giovanissimi pronti a farsi valere tra i professionisti come nelle categorie giovanili, dove hanno fatto e stanno facendo faville con la maglia della squadra Continental. I nomi dei sette sono quelli del campione italiano under 23 Lorenzo Germani, dell’ex campione europeo juniores Romain Grégoire e del suo coetaneo e connazionale Lenny Martinez, di Enzo Paleni, dei due fortissimi neozelandesi Laurence Pithie e Reuben Thompson e del britannico Sam Watson. Già ufficiali le cessioni di Jacopo Guarnieri alla Lotto-Dstny e di Attila Valter alla Jumbo-Visma, ne arriveranno molte altre nei prossimi mesi.

Per restare a Lotto e Jumbo, la prima è andata a pescare dalla Lotto Soudal U23 Lennert Van Eetvelt, tra i prospetti belgi maggiormente promettenti, e ha ceduto Tim Wellens alla UAE Emirates, mentre la seconda deve ancora ufficializzare i propri colpi di mercato ma firmerà almeno cinque nuovi corridori: Valter, Thomas Gloag (attualmente alla Trinity), Wilco Kelderman, Jan Tratnik e il vincitore della Parigi-Roubaix Dylan van Baarle, il quale insieme a Laporte e Van Aert andrà a comporre un terzetto da togliere il fiato nelle classiche delle pietre. I vincitori del Tour dal 2023 perderanno invece Teunissen, Harper, il campione nazionale dei Paesi Bassi Pascal Eenkhoorn (in direzione Lotto) e David Dekker, la cui destinazione non è ancora sicura.

Tra gli altri colpi già ufficiali delle squadre WT da segnalare l’arrivo in casa Bora di Bob Jungels dalla AG2R, la quale si rafforza con Alex Baudin (Tudor), ma si indebolisce con la partenza di Clément Champoussin (correrà con l’Arkéa) . Ineos prende Leo Hayter dalla Hagens Berman e Joshua Tarling direttamente dalla categoria juniores, mentre la Israel-Premier Tech fa salire dalla squadra giovanile Derek Gee, Marco Frigo e Mason Hollyman. Proprio gli israeliani hanno inoltre messo a segno il trasferimento più sorprendente di questa sessione per tempi e modi: Dylan Teuns ha abbandonato venerdì 5 agosto la Bahrain Victorious per trasferirsi immediatamente alla Israel. Questo passaggio è ritenuto fondamentale dai vertici della squadra per uscire vincenti dalla lotta salvezza, risultato al momento assai in pericolo. Il belga ha già reso noto il suo programma che, a dispetto di quanto annunciato in precedenza, non comprende la Vuelta ma verte su Mondiali e classiche italiane di fine stagione. L’esordio con la nuova maglia avverrà con 0gni probabilità al Tour of Britain.

Per concludere con la giravolta del mercato, la DSM prende dalla squadra under 23 Pavel Bittner, Max Poole e Casper Van Uden, la Trek-Segafredo Thibau Nys solo per la stagione estiva (è già stagista del primo agosto e debutta oggi con la nuova casacca al Tour de l’Ain; d’inverno resterà da papà Sven alla Baloise per disputare la stagione crossistica) e la UAE, oltre a Wellens, acquista Jan Christen, capitano del Pogi Team, campione del mondo juniores di ciclocross nonché vincitore dell’Europeo su strada di categoria, un talento a tutto tondo.

 

 

Archivio

La vignetta di Pellegrini

Versione stampabile