Tim Merlier vince lo Scheldeprijs 2024 ©Scheldeprijs via IG
Professionisti

Merlier stavolta batte Philipsen: suo lo Scheldeprijs

Settima vittoria stagionale per il velocista della Soudal. Philipsen resta chiuso nel finale e manca la terza vittoria nella semiclassica belga; nei dieci anche Moschetti e Trentin

03.04.2024 15:26

Qualcuno ricorda Tim Merlier cercare una scorciatoia per l'uscita dalla zona d'arrivo arrampicandosi sulle transenne mentre i corridori che sprintano per le posizioni di rincalzo sono in dirittura d'arrivo: erano esattamente due anni orsono, nell'edizione dello vinta da Alexandre Kristoff. Il belga oggi ha voluto che il suo ricordo associato a questa corsa non restasse legato a quella nota di eccentricità, così oggi si è aggiudicato il 112esimo Scheldeprijs battendo il connazionale e rivale Jasper Philipsen. La lotta tra i due ex-compagni si fa appassionante: i due si scontrarono già alla Brugge-De Panne, dove Merlier ebbe a recriminare dopo qualche spallata di troppo con Philipsen. Con questa vittoria inoltre Tim raggiunge Pedersen e Pogačar a quota sette successi stagionali, mentre l'anno scorso Jasper fu il plurivittorioso con diciotto vittorie totali: ad oggi il conto è di sette a tre, per quanto il peso possa essere ben diverso (sulla bilancia del secondo pesa anche la Milano-Sanremo). 

Tim Merlier con la Soudal Quick-Step dopo l'arrivo dello Scheldeprijs 2024 ©Scheldeprijs via IG
Tim Merlier con la Soudal Quick-Step dopo l'arrivo dello Scheldeprijs 2024 ©Scheldeprijs via IG

Di certo oggi la Soudal ha dimostrato di essere all'altezza del suo capitano più della Alpecin. L'anno scorso infatti Philipsen ebbe un apripista di eccezione: parliamo di quel Mathieu van der Poel che più di una volta è stato prezioso per i suoi successi. Quest'anno il campione del mondo era assente, e la sua mancanza si è sentita: il treno della Alpecin, pur con nomi come Kaden Groves e Edward Planckaert, è arrivato lungo all'ultimo chilometro e il belga ha perso qualche posizione di troppo per riuscire a recuperare.

Scheldeprijs 2024, la cronaca della corsa

La corsa partiva da Terneuzen per arrivare a Schoten dopo 205.3 km. Dopo una manciata di chilometri si è avvantaggiato un gruppetto di cinque corridori con Peder Dahl Strand (Tarteletto-Isorex), Bram Dissel (BEAT), Mirko Bozzola (Q36.5), Tord Gudmestad (Uno-X Mobility) e Liam Slock (Lotto Dstny). Dopo circa dieci chilometri i fuggitivi avevano già 1.42 di vantaggio, e su di loro ha cercato invano di riportarsi Jonas Goeman (Tarteletto-Isorex). Dopo circa quindici chilometri una caduta ha costretto al ritiro Gerben Thijssen (Intermarché-Wanty), caduto insieme al compagno Arne Marit, anche lui ritirato trenta chilometri dopo. Sulla corsa si sono abbattuti a più riprese raffiche di vento e scrosci di pioggia

I ventagli fanno esplodere la corsa

Il gruppo inseguitore si è poi frazionato una prima volta a causa dei ventagli: l'aumento improvviso di velocità ha fatto sì che i fuggitivi venissero ripresi. Per quaranta chilometri è stato un susseguirsi di frazionamenti a causa dei ventagli, dopodiché ha potuto riprendere vantaggio un gruppo di cinque composto da Baptiste Planckaert (Intermarché-Wanty),Vincent Van Hemelen (Flanders-Baloise), Axel Huens (TDT-Unibet), Stijn Appel (BEAT) e nuovamente da Liam Slock: per loro vantaggio massimo di quattro minuti intorno al km 100. L'inseguimento del gruppo principale, guidato specialmente da Alpecin-Decenunink e Bora-Hansgrohe, è però stato serrato, tanto che ai -33 i fuggitivi erano già a poco più di 30". Slock ha cercato di rilanciare, tanto che Huens ha dovuto rialzarsi e farsi riprendere. La stessa sorte è toccata poco dopo a Van Hemelen e Appel, così che davanti sono rimasti solo Slock e Planckaert.

Sfida Merlier-Philipsen: stavolta la spunta Tim

Nel finale la Lidl-Trek e la Jayco AlUla sono state le più attive nel preparare la volata ai loro capitani, ma nell'ultimo chilometro gli ultimi treni ancora compatti erano quelli della Soudal Quick-Step per Tim Merlier, che era rientrato dopo una foratura ai-14, e quello della Alpecin-Deceuninck per Jasper Philipsen. Nelle ultime centinai di metri, il vincitore della Milano-Sanremo ha lasciato la ruota dei compagni per appostarsi proprio su quella del connazionale. Tra di loro si è però infilato Hugo Hofstetter (Free Palestine), e Philipsen è rimasto chiuso quando Merlier ha lanciato la volata: quest'ultimo ha sprintato senza che nessuno potesse contrastarlo ed è arrivato sulla linea a braccia alzate, mentre Philipsen ha dovuto cercare un varco sulla destra e accontentarsi della seconda piazza. Dietro di lui si sono piazzati Dylan Groenewegen (Jayco AlUla) e Cees Bol (Astana Qazaqstan), poi Hofstetter. Buon ottavo posto per Matteo Moschetti (Q36.5), mentre Matteo Trentin (Tudor) ha colto la decima posizione.

Results powered by FirstCycling.com

 


 

Tour of the Alps 2024 - Analisi del percorso
Lorena non si frena: Wiebes inanella il quarto Scheldeprijs