L'assolo di Rémy Rochas alla Ronde de l'Isard © Ronde de l'Isard
L'assolo di Rémy Rochas alla Ronde de l'Isard © Ronde de l'Isard

In evidenza Carboni e Tecchio alla Ronde de l’Isard: ma ad Ax-3-Domaines vince Rochas

Arrivo in salita ricco di storia per la seconda tappa della Ronde de l’Isard: in questa corsa a tappe under 23 i corridori hanno affrontato nella seconda tappa il Col du Chioula e poi sono arrivati ad Ax-3-Domaines, celebre località pirenaica notoriamente sede di tappa del Tour de France. Un arrivo in salita che ha premiato Rémy Rochas, ventenne in forza alla Chambéry Cyclisme: il francesino ha staccato il drappello di testa, comprendente il leader, ed ha ripreso e superato David Gaudu, partito prima di lui.

Rochas ha vinto con 9″ di vantaggio su Mathias Le Turnier (Océane Top 16) e Léo Vincent (Nazionale francese), e 11″ sul drappello del leader Bjorg Lambrecht (Lotto Soudal Under 23), comprendente il suo compagno di squadra Steff Crass, Jil britannico ames Knox (Team Wiggins), e gli Unieuro Wilier Giovanni Carboni e Mirko Tecchio, piazzatisi rispettivamente sesto e settimo. A metà della corsa a tappe, la classifica vede Lambrecht guidare con 8″ su Le Turnier e 19″ su Crass, mentre Tecchio è quinto a 25″ e Carboni decimo a 56″.

Archivio

La vignetta di Pellegrini