Il podio del campionato russo a cronometro © Tatiana Straticiuc - Team Katusha
Il podio del campionato russo a cronometro © Tatiana Straticiuc - Team Katusha

Chernetckii beffa Brutt per questione di millesimi. In Lituania ok Konovalovas

A Sebastopoli il campionato russo a cronometro ha visto una differenza minima tra il primo e il secondo classificato: ad uscire vincitore dai 49.1 km della prova è stato Sergei Chernetckii (Team Katusha) che ha fatto segnare un parziale di 1h05’49”. Anche il secondo arrivato, l’esperto Pavel Brutt (Tinkoff), ha terminato l’esercizio in 1h05’49”. Per stabilire il nome del migliore sono serviti i millesimi, che hanno consegnato il successo al ventiseienne: il rivale trentaquattrenne ha fatto peggio di lui per l’inezia di 629 millesimi. Sul terzo gradino del podio, distante 1’03”, è giunto Maksim Belkov (Team Katusha).

Dopo due anni di digiuno torna al successo Ignatas Konovalovas: il corridore della FDJ è per la sesta volta in carriera il campione lituano a cronometro. A Ignalinoje il trentenne ha rifilato distacchi abissali a tutti i rivali: il secondo, Paulius Siskevicius (Staki-Baltik Vairas) paga 3’09”, il terzo, Darijus Dzervus (Staki-Baltik Vairas) 3’41”.

In Azerbaigian si è invece corsa la prova in linea a Ismayilli sulla distanza di 160 km: come l’anno scorso si assiste al dominio dei corridori della Synergy Baku Cycling Project, così come è il medesimo il vincitore. L’ucraino di nascita ma azero di passaporto Maksym Averin supera i compagni di squadra Samir Jabrayilov e Elchin Asadov, che dodici mesi fa erano giunti in posizioni inverse

Archivio

La vignetta di Pellegrini