Il podio del campionato svizzero © IAM Cycling
Il podio del campionato svizzero © IAM Cycling

Sorpresa Fumeaux in Svizzera. Dopo le crono bis per Jungels e Roche

Sorprendente il nome del vincitore della prova in linea del campionato svizzero: a Martigny a prevalere è stato un elemento della IAM Cycling, e fin qui nessuna sorpresa data la forza numerica della squadra. Inatteso è però vedere il successo, giunto in solitaria, per Jonathan Fumeaux, che in sei anni di carriera aveva vinto solo una frazione del Tour Alsace 2012 (tra l’altro sul Ballon d’Alsace) e in Camerun al GP Chantal Biya. Il ventottenne si è involato e ha vinto con 44″ sul compagno di squadra Pirmin Lang e Steve Morabito (FDJ). L’ultima volta in casa per Fabian Cancellara si chiude con il sedicesimo posto a 3’57” dal vincitore.

Ben più risicato il margine fra primo e secondo nella vicina Austria: per stabilire il vincitore a Strasswalchen è servito il fotofinish che ha premiato Matthias Brändle, che così si porta a casa anche il titolo in linea dopo quello a crono. L’elemento dell’IAM Cycling ha vinto la volata a tre contro Gregor Mühlberger (Bora-Argon 18) e Michael Gogl (Tinkoff); quarto a 34″ il campione uscente Marco Haller (Team Katusha).

Campionato nazionale molto ostico, sia per il percorso che per il caldo asfissiante, quello andato in scena in Portogallo: a Braga, complice l’assenza di Rui Costa, José Mendes ha potuto appropriarsi della prima maglia di campione nazionale. Il corridore della Bora-Argon 18 lo ha fatto dando 18″ al campione della crono Nelson Oliveira (Movistar Team) e 59″ a Ricardo Vilela (Caja Rural-Seguros RGA).

Aveva vinto solo nel 2009; poi, fra un paio di podi e molte assenze, non era mai riuscito a riprendersi il titolo di campione irlandese. A Klicullen Nicolas Roche (Team Sky) ha trionfato al termine di una cavalcata solitaria; il figlio d’arte, che giovedì aveva conquistato anche la cronometro, è stato accompagnato da Matthew Brammeier (Dimension Data) e da Michael O’Loughlin (Team Wiggins).

In Lussemburgo bis fra crono e linea per Bob Jungels: la maglia bianca del Giro d’Italia a Berbourg ha battuto Alex Kirsch (Stölting Service Group) e Fränk Schleck (Trek-Segafredo). Per il corridore della Etixx-Quick Step è già il settimo titolo nazionale nelle due specialità nonostante abbia solamente ventitré anni.

Visita lo store di Cicloweb!

Ciclismo in Tv

Non ci sono eventi imminenti.

Archivio

La vignetta di Pellegrini

Versione stampabile