Gianni Moscon sul podio più alto © Arctic Race of Norway
Gianni Moscon sul podio più alto © Arctic Race of Norway

Torna al successo Degenkolb: sua l’ultima all’Arctic Race. Generale a Gianni Moscon

Dopo due secondi posti nelle prime due tappe dell’Arctic Race of Norway, John Degenkolb centra la vittoria nella quarta e ultima tappa della corsa scandinava e torna al successo, che gli mancava dal 13 settembre scorso nell’ultima tappa madrilena della Vuelta a España. Il velocista tedesco del Team Giant-Alpecin ha battuto nella volata finale il norvegese Alexander Kristoff (Team Katusha) e il francese Arnaud Démare (FDJ), rispettivamente secondo e terzo.

Al quarto posto si è piazzato l’olandese Moreno Hofland (Team LottoNl-Jumbo), al quinto l’olandese Danny Van Poppel (Team Sky), al sesto l’italiano Andrea Guardini (Astana Pro Team), al settimo il norvegese August Jensen (Team Coop-ØsterHus), all’ottavo l’italiano Danilo Napolitano (Wanty Groupe-Gobert), al nono il russo Nikolay Trusov (Tinkoff) e al decimo il belga Bert Van Lerberghe (Topsport Vlaanderen-Baloise).

La vittoria finale dell’Arctic Race of Norway va al nostro Gianni Moscon (Team Sky), che diventa il più giovane trionfatore nella breve storia della corsa nordica. Il secondo gradino del podio è occupato da Stef Clement (IAM Cycling) con un ritardo di 15” dal vincitore, mentre in terza posizione c’è un altro italiano, Oscar Gatto (Tinkoff), con un ritardo di 30”. Martin Elminger (IAM Cycling) e Odd Christian Eiking (FDJ), con un ritardo di 34”, devono accontentarsi della quarta e quinta posizione.

Archivio

La vignetta di Pellegrini