Jack Bauer sul podio di Bath © Cannondale-Drapac
Jack Bauer sul podio di Bath © Cannondale-Drapac

Tour of Britain, Jack Bauer salva la fuga per 10 metri. Nono Nicola Ruffoni

A guardare l’ordine d’arrivo pare una volata di gruppo, e invece è una fuga andata in porto: quella che ha permesso a Jack Bauer (Cannondale) di imporsi nella quinta tappa del Tour of Britain 2016, la Aberdare-Bath di 194 km.

Il neozelandese era andato all’attacco al km 25 in compagnia di Amaël Moinard (BMC), Erick Rowsell (Madison), Jonathan McEvoy (NFTO) e, subentrato dopo qualche chilometro, anche Javier Moreno (Movistar); dopo aver avuto fino a 5′ di vantaggio massimo, i fuggitivi sono stati messi nel mirino nel finale, ma sono riusciti a sprintare (a parte McEvoy che si era staccato un po’ prima) ugualmente, col gruppo che piombava loro addosso proprio in dirittura d’arrivo.

E così vittoria per Jack Bauer davanti a Moinard e Rowsell, con Caleb Ewan (Orica) che si è piazzato quarto davanti a Dylan Groenewegen (LottoNL), Boy Van Poppel (Trek), Jens Debusschere (Lotto Soudal), Daniel McLay (Fortuneo), Nicola Ruffoni (Bardiani), nono e primo degli italiani, e Domingos Gonçalves (Caja Rural).

Quasi tutto invariato in classifica con Julien Vermote (Etixx) al comando con 6″ su Stephen Cummings (Dimension Data), 1’03” su Ben Swift (Sky) e Tony Gallopin (Lotto Soudal), 1’04” su Daniel Martin (Etixx), 1’08” su Xandro Meurisse (stagista della Wanty), 1’12” su Dylan Van Baarle (Cannondale) e Tom Dumoulin (Giant), 1’16” su Jacopo Mosca (stagista della Trek), che guadagna un paio di posizioni, e Nicolas Roche (Sky).

Domani sesta tappa da Sidmouth a Haytor (Dartmoor), 150 km con impegnativo (per i canoni della zona) arrivo in salita.

Archivio

La vignetta di Pellegrini