Tom Boonen e Greg Van Avermaet, i fari del Belgio per Doha © Tim De Waele
Tom Boonen e Greg Van Avermaet, i fari del Belgio per Doha © Tim De Waele

Boonen e Van Avermaet guidano il Belgio per il Mondiale

Non hanno attualmente un velocista puro come molte altre nazionali; in compenso, nessuno come loro è abile nel formare ventagli. Ed è questa la tattica che risiede alla base delle convocazioni decise dal commissario tecnico del Belgio per la prova in linea del Campionato del Mondo in Qatar. L’ex pro’ Kevin De Weert ha scelto questi nove nomi: Tom Boonen (Etixx-Quick Step), Jens Debusschere (Lotto Soudal), Iljo Keisse (Etixx-Quick Step), Jens Keukeleire (Orica-BikeExchange), Nikolas Maes (Etixx-Quick Step), Oliver Naesen (IAM Cycling), Jurgen Roelandts (Lotto Soudal), Jasper Stuyven (Trek-Segafredo) e Greg Van Avermaet (BMC Racing Team).

Incaricato di fare la volata sarà il vecchio leone Boonen, all’ultima esibizione con la maglia della nazionale; non sono stati scelti altri sprinter come Timothy Dupont (plurivincitore del 2016 con quindici affermazioni) o Jonas Van Genechten puntando su eventuali ruote veloci di scorta come possono essere Debusschere, Keukeleire, Stuyven o lo stesso Van Avermaet, che verosimilmente proverà a far saltare il banco con un’azione studiata a tavolino.

Archivio

La vignetta di Pellegrini