La nazionale azzurra impegnata all'Europeo in linea 2016 © Federciclismo
La nazionale azzurra impegnata all'Europeo in linea 2016 © Federciclismo

Annunciati i convocati italiani under 23 e juniores maschili per il Mondiale di Doha

Sono stati comunicati i nomi degli atleti italiani under 23 impegnati nelle prove all’imminente Campionato del Mondo di Doha, in Qatar. Il commissario tecnico Marino Amadori ha chiamato Edoardo Affini (Selle Italia Cieffe Ursus) e Filippo Ganna (Team Colpack) per la prova a cronometro di lunedì 10. «Siamo competitivi con Ganna» ha spiegato il selezionatore «che ha dimostrato più di una volta il suo valore, anche se questo tipo di percorso è molto tecnico e con parecchi rilanci, quindi non molto adatto alle sue caratteristiche; ed Affini che nell’Europeo della passata edizione ha chiuso al quinto posto ed ha buone possibilità di ben figurare».

Per la prova in linea di giovedì 13 i prescelti sono: Vincenzo Albanese (Hopplà Petroli Firenze), Davide Ballerini (Hoppà Petroli Firenze), Simone Consonni (Team Colpack), Filippo Ganna (Team Colpack), Jakub Mareczko (Wilier Triestina-Southeast) e Riccardo Minali (Team Colpack). Il tecnico ha dichiarato: «C’è molta compattezza. Abbiamo atleti adatti per l’arrivo in volata, per un arrivo con pochi uomini e c’è anche il finisseur. Su questo tipo di percorso a fare la differenza e la grande incognita sarà il caldo. Ma la nostra è una nazionale agguerrita». Le riserve sono Edoardo Affini (Selle Italia Cieffe Ursus), Michael Bresciani (Zalf Euromobil Désirée Fior) e Oliviero Troia (Team Colpack).

Anche i nomi degli juniores sono stati svelati: nella prova a cronometro di martedì 11 spazio a Alessandro Covi (Team Giorgi) e Alexander Konychev (US Ausonia Pescantina). Il commissario tecnico Rino De Candido ha chiamato per la prova in linea di venerdì 14 Davide Baldaccini (Team LVF), Michele Gazzoli (Aspiratori Otelli), Moreno Marchetti (Work Service Liotto), Luca Mozzato (Contri Autozai) e Filippo Zana (Contri Autozai). Il selezionatore ha commentato: «Una nazionale ben amalgamata, con due velocisti, Gazzoli e Marchetti, e con atleti pronti anche per un eventuale arrivo di pochi uomini, Baldaccini e Mozzato e atleti che sanno lavorare per la squadra. Su di un percorso tecnico, una kermesse cittadina, fatta di curve, contro-curve e con la partenza della prova in linea in un orario dove il caldo sarà notevole, abbiamo una squadra pronta».

Archivio

La vignetta di Pellegrini