Katie Archibald © Twitter
Katie Archibald © Twitter

Europei su Pista: ori per Archibald e Basova. Consonni in testa nell’Omnium dopo 3 prove

È stato un pomeriggio intenso e denso di qualifiche e finali al velodromo di Saint Quentin en Yvelines, dove è in corso la terza giornata degli Europei su Pista: la star è la britannica Katie Archibald, dominatrice incontrastata dell’inseguimento individuale. La Archibald ha vinto con il tempo di 3’29″878, battendo nettamente la promettente polacca Justina Kaczkowska, 19 anni e argento anche ieri con la squadra, che ha realizzato il tempo di 3’33″188. Exploit nella finalina per il bronzo della 36enne irlandese Anna Turvey (ex triathleta britannica, naturalizzata quest’anno) sulla Bielorussa Ina Savenka, buona prova di Francesca Pattaro che si piazza ottava in qualifica col tempo di 3’39″428.
L’altro oro è stato assegnato nella finale del Keirin femminile a Liubov Basova. Per l’alteta ucraina è un ritorno sulle scene, a 5 anni dall’oro vinto ad Apledoorn nello sprint quando portava ancora il cognome da nubile, Shulika. Uno sprint drammatico, vinto per pochi centimetri, che ha visto la squalifica (ingenerosa) della russa Tatiana Kiseleva per un contatto con Rachel James (Gran Bretagna), poi caduta. Argento e bronzo vanno dunque alla belga Nicky Degrendele e l’esperta lituana Simona Krupeckaite, ex campionessa del mondo. Fuori al primo turno in questa prova Miriam Vece e Gloria Manzoni.

È in corso anche l’Omnium maschile nel nuovo formato giornaliero in 4 prove, delle quali 3 sono state già disputate. Abbiamo visto un Simone Consonni in grande spolvero dopo il decimo posto nella Scratch: secondo nella inedita Tempo Race e capace di battere tutti nell’Eliminazione. Il bergamasco è in testa a pari punti col francese Benjamin Thomas (100) e ha alle calcagna lo svizzero Gael Suter (98), il danese Casper Pedersen e lo spagnolo Albert Torres (94): si gioca tutto nella corsa a punti, che dovrebbe partire intorno alle 21.30. Niente da fare invece per Davide e Luca Ceci, fuori dalla Sprint alle qualificazioni rispettivamente col 24esimo e il 26esimo tempo.

 

Archivio

La vignetta di Pellegrini