Vincenzo Albanese vince il Gran Premio Liberazione 2016 © Luigi Sestili
Vincenzo Albanese vince il Gran Premio Liberazione 2016 © Luigi Sestili

Un’altra corsa sparisce: nel 2017 niente GP della Liberazione

Dal 1946 è stata la vetrina per i giovani ciclisti, quella in cui nomi come Gianni Bugno e Dmitriy Konyshev fino ai più recenti Sacha Modolo e Matteo Trentin hanno conquistato vittorie importanti per il salto verso il professionismo. Per quest’anno non sarà così, perché il Gran Premio della Liberazione non si terrà.

Come spiega Andrea Novelli, presidente del Velo Club Primavera Ciclistica che si è incaricato di organizzare nelle ultime stagioni la prova, «non ci sono le condizioni per organizzare la corsa. Le solite e ripetitive frasi di circostanza non sono sufficienti. Inutile che continuino a ripetere: il Liberazione non può morire dopo che tanti hanno contribuito a togliergli ossigeno anno dopo anno con un’ostinazione degna di miglior causa. In pochi hanno mostrato di avere per davvero a cuore la corsa.

Ringrazio Mario e Simone Carbutti di Cicli Lazzaretti: hanno consentito di organizzare le ultime due edizione e sono stati i soli a effettuare tentativi per l’edizione di quest’anno. Ringrazio Massimo Castaldini, Sandro Chiaperotti, Donato Rapito e Claudio Iannilli di Tritype. Ringrazio Riccardo Viola, unico esponente degli enti sportivi a esprimere solidarietà non solo a parole».

Infine Novelli si esprime con una nota polemica: «Sordità e impotenza hanno contraddistinto le istituzioni a tutti i livelli, dalle locali alle nazionali, da quelle sportive a quelle politiche. Né ci sono stati vicini quei giovani dirigenti di società ciclistiche romane che, fingendo di collaborare, hanno sfruttato per proprio tornaconto il Liberazione. Mai, tuttavia, mi sarei aspettato che la pietra tombale sulla storia del Gran Premio della Liberazione fosse apposta da due degli organizzatori più celebrati dell’attuale momento ciclistico: l’uno pronto a far bloccare somme sui conti personali e l’altro, ahimè, dimenticò di essere stato lanciato nel mondo del giornalismo da Gino Sala e dal circuito storico delle Terme di Caracalla».

Archivio

La vignetta di Pellegrini

Versione stampabile