Un sorridente Wout Van Aert © Belga
Un sorridente Wout Van Aert © Belga

Van Aert strizza l’occhio alle pietre: nel 2018 punterà a Fiandre e Roubaix

Wout Van Aert, fenomeno assoluto del ciclocross e vincitore degli ultimi due campionati del mondo Élite, sta già pensando al passaggio al ciclismo su strada, che dovrebbe essere definitivo nel 2019.

Come comunicato da Cyclist, il ventiduenne belga avrebbe intenzione di ridurre il calendario di gare di ciclocross per la prossima stagione, passando da 42 (quelle corse nel 2016/17) a 30. Tutto ciò per avere modo di risparmiare energie e poter preparare al meglio la Ronde van Vlaanderen e, se possibile, la Parigi-Roubaix.

Attualmente Van Aert corre su strada per la Vérandas Willems-Crelan, squadra che già quest’anno è stata invitata alla Ronde, ma non alla Roubaix.

La vittoria su strada non è però una novità per il belga: nel 2016, infatti, Van Aert è stato in grado di battere il campione del mondo a cronometro Tony Martin nel prologo del Baloise Belgium Tour e di portarsi a casa la Schaal Sels.

Nonostante tutto, il suo allenatore Marc Lamberts è rimasto piuttosto cauto parlando a Het Laatste Nieuws: «Gli ho consigliato di prendere una decisione. Deve decidere se optare al 100% per le classiche oppure se puntare ancora al ciclocross. Scegliere entrambe non è una buona cosa».

Archivio