Vincenzo Nibali con in mano un obiettivo © Bettiniphoto
Vincenzo Nibali con in mano un obiettivo © Bettiniphoto

Giro, questa la Bahrain Merida a supporto di Vincenzo Nibali

Una delle squadre più attese per la Corsa Rosa è il Bahrain Merida, alla prima volta in un grande Giro. La formazione avrà nel vincitore uscente Vincenzo Nibali il faro della gara, nonché uno dei due grandi favoriti per portarsi a casa il Trofeo Senza Fine sul palco di Milano. Per la compagine di licenza mediorientale un cambio forzato dell’ultima ora: non ci sarà il lituano Ramunas Navardauskas, alle prese con problemi gastrointestinali; al suo posto convocato Enrico Gasparotto.

Questi i nove corridori in rosa. Saranno presenti gli italiani Valerio Agnoli, Manuele Boaro, Enrico Gasparotto, Vincenzo Nibali, Franco Pellizotti e Giovanni Visconti, lo spagnolo Javier Moreno, lo sloveno Luka Pibernik e il bielorusso Kanstantsin Siutsou.

Il direttore sportivo Gorazd Štangelj afferma: «Sarà una bella sfida dall’inizio alla fine. Non possiamo avere delle distrazioni già dalla prima settimana; a mio avviso le tappe decisive sono la cronometro di Foligno e la frazione dello Stelvio».

Il responsabile della preparazione Paolo Slongo prosegue: «Vincenzo e tutto il team hanno effettuato una buona preparazione e siamo pronti. Ci sono atleti, come Siutsou, Visconti. Moreno e Pellizotti che lavoreranno di più in salita mentre Boaro, Gasparotto e Pibernik sono più adatti ad aiutare in pianura o nei percorsi misti. Agnoli sarà il jolly della rosa».

L’atteso capitano Vincenzo Nibali dichiara: «Sono onorato di prender parte al Giro del Centenario; mi piace il percorso che tocca le due isole, fatto raro nel grande ciclismo, così come sarà emozionante gareggiare nella mia Messina. Sogni e aspirazioni? Nessun dubbio, fare del mio meglio e poi sarà la strada a decretare il vincitore».

Archivio

La vignetta di Pellegrini

Versione stampabile