August Jensen intervistato dopo il successo all'Arctic Race of Norway © Twitter
August Jensen intervistato dopo il successo all'Arctic Race of Norway © Twitter

Arctic Race of Norway, August Jensen ha la meglio al fotofinish su Dylan Teuns

Dylan Teuns, il mattatore delle ultime due settimane, quest’oggi non ce l’ha fatta a vincere e si è dovuto accontentare della seconda posizione. Nella terza tappa dell’Arctic Race of Norway, partita a Lyngseidet e conclusa sullo strappetto di Finnvikdalen, a trionfare è stato il norvegese August Jensen; il portacolori del Team Coop ha ottenuto così la sua quarta vittoria stagionale.

L’unica frazione della breve corsa scandinava che prevedeva un arrivo in salita è stata caratterizzata da una fuga di 7 corridori: Bernhard Eisel (Team Dimension Data), Ole Andre Austevoll (Team Coop), Sébastien Delfosse (WB Veranclassic Aquality Protect), Adrien Petit (Direct Énergie), Hugo Hofstetter (Cofidis, Solutions Crédits), Boris Vallée (Fortuneo-Oscaro) e Daniel Díaz (Delko Marseille Provence KTM).

L’azione però non è andata a buon fine perché il gruppo, sotto la spinta del BMC Racing Team e dell’Aqua Blue Sport, li ha ripresi uno ad uno prima di incominciare l’ascesa finale che portava i corridori sul traguardo di Finnvikdalen. E proprio un paio di km dopo l’inizio della salita conclusiva è evaso dal gruppo Andrey Grivko (Astana Pro Team) ma la sua azione si è spenta poco prima dell’arco dell’ultimo km.

Nella volata finale, di un gruppo di una ventina di unità, a spuntarla è stato come detto August Jensen che grazie ad un colpo di reni sulla linea del traguardo ha bruciato il leader della classifica generale Dylan Teuns; completa infine il podio di giornata il francese Dorian Godon della Cofidis, Solutions Crédits.

A seguire sono giunti nell’ordine l’olandese Michel Kreder (Aqua Blue Sport), il belga Eliot Lietaer (Sport Vlaanderen-Baloise) e il francese Quentin Pacher (Delko Marseille Provence KTM). 4″ è il ritardo dell’estone Rein Taaramäe (Team Katusha Alpecin), del duo norvegese della Joker Icopal formato da Bjørn Tore Hoem e Carl Fredrik Hagen, del polacco Jakub Kaczmarek (CCC Sprandi Polkowice), dell’eritreo Amanuel Gebreigzabhier (Team Dimension Data) e del belga Aime De Gent (Sport Vlaanderen-Baloise). Per trovare il primo italiano si deve scorrere l’ordine d’arrivo fino alla ventisettesima posizione occupata da Pier Paolo De Negri (Nippo-Vini Fantini), giunto a 27″ dal vincitore.

La classifica generale è sempre guidata da Dylan Teuns (BMC Racing Team) ma ora ha 3″ di vantaggio su August Jensen e 17″ su Michel Kreder; a 19″ si trovano Eliot Lietaer, Alexandre Kristoff (Team Katusha Alpecin) e Quentin Pacher. Domani è in programma l’ultima tappa, con partenza ed arrivo a Tromsø, per un totale di 160.5 km al termine dei quali sapremo il nome del vincitore la quinta edizione dell’Arctic Norway of Race.

Archivio

La vignetta di Pellegrini

Versione stampabile Versione stampabile