Vittoria netta per Cosnefroy a Isbergues © Aubin Lipke
Vittoria netta per Cosnefroy a Isbergues © Aubin Lipke

Cosnefroy brucia le tappe e vince il Gp Isbergues

Ottimo avvicinamento al professionismo per Benoît Cosnefroy, atleta francese argento agli Europei di Herning tra gli under 23 e passato professionista con l’AG2R La Mondiale il 1 agosto. L’atleta classe 1995, proveniente dal vivaio Chambéry, è stato protagonista della fuga di giornata al Gp d’Isbergues – Pas de Calais assieme ad altri 4 corridori: Nicolas Baldo e Pierre Gouault (HP BTP-Auber 93), l’esperto David Boucher (Pauwels Sauzen) ed uno stagista, Alan Riou (Fortuneo-Oscaro).

Sembrava un’azione sotto controllo per il gruppo, comprendente velocisti importanti come Nacer Bouhanni e Mark Cavendish, ma qualcosa non ha funzionato nelle fasi finali ed il vantaggio si è stabilizzato a lungo, prima che tornasse a scendere. Ne hanno tratto vantaggio i fuggitivi, con Consefroy e Gouault che si sono avvantaggiati a due chilometri dal termine, ed il prossimo professionista dell’Ag2r abile a imporsi allo sprint sul 24enne loreno. Terzo Riou a 7″ davanti a Baldo, il gruppo è stato regolato da un altro AG2R, Rudy Barbier, su Mark Cavendish e Nacer Bouhanni, accreditati anch’essi a 7″.

Con l’ottavo posto Laurent Pichon (Fortuneo-Oscaro) ha matematicamente conquistato l’edizione della Coupe de France. Quando manca solo il Tour de Vendée di domenica 1 ottobre il leader ha 54 punti di margine sul primo inseguitore, ossia Bouhanni. Il vincitore della prova può infatti accumulare 50 punti, ovviamente non sufficienti per effettuare il sorpasso.

Archivio

La vignetta di Pellegrini

Versione stampabile Versione stampabile