Alexey Lutsenko sul podio al Tour of Almaty © Tour of Almaty
Alexey Lutsenko sul podio al Tour of Almaty © Tour of Almaty

Tour of Almaty, seconda tappa a Fuglsang. La generale a Lutsenko

Con un attacco a 3.5 km dalla fine, Jakob Fuglsang è andato a conquistare la vittoria nella seconda tappa del Tour of Almaty. Al termine dei 160.5 km, gli ultimi dei quali in salita, il danese dell’Astana Pro Team è tornato ad assaporare il gusto del successo dopo alcuni mesi difficili causati dalle fratture subite prima al Tour de France e poi in una kermesse in patria.

Al secondo posto, staccato di 12″, il suo compagno di squadra Alexey Lutsenko mentre terzo, con lo stesso ritardo, lo svizzero Colin Stüssi (Roth-Akros). È stata proprio la compagine elvetica a dettare il ritmo nell’ascesa, riuscendo a selezionare il gruppo. Quarto posto a 22″ per un gregario di Stüssi, ossia Valentin Baillifard.

Seguono il francese Rémy Di Grégorio (Delko Marseille Provence KTM) a 33″, il kazako Yevgeniy Gidich (Vino-Astana Motors) a 51″, il colombiano Francisco Colorado (Ningxia Sports Lottery) a 54″, i kazaki Bakhtiyar Kozhatayev (Astana Pro Team) a 56″, Yuriy Natarov (Kazakistan) a 1′ e Matvey Nikitin (Kazakistan) a 1’06”.

Con questo risultato, Lutsenko vince per la quarta volta in cinque anni la prova di casa. Secondo gradino del podio per Di Grégorio, distante 55″, mentre Fuglsang è terzo a 1’04”. Quindi Stüssi a 1’22”, Kozhatayev a 1’26”, Baillifard a 1’36”, Gidich a 2’04”, l’iraniano Mirsamad Pourseyedi (Tabriz Shahrdari) e Colorado a 2’07”. Chiude la top 10 Natarov a 2’14”.

Archivio

La vignetta di Pellegrini

Versione stampabile Versione stampabile