Michael Bresciani
Michael Bresciani

Lo sprinter Michael Bresciani positivo ad un diuretico

Non gareggiava dal campionato nazionale di fine giugno, quando disputò la sua prima e unica gara in maglia Bardiani CSF. Dalla formazione emiliana venne ingaggiato a inizio giugno per andare a sostituire Stefano Pirazzi e Nicola Ruffoni, sospesi per la positività riscontrata al Giro d’Italia.

La notizia oggi emersa, ma che nell’ambiente già circolava da settimane, riguarda la positività riscontrata a Michael Bresciani, in un controllo effettuato proprio al termine della prova piemontese del 25 giugno. Il ventiduenne è attualmente sospeso alla formazione dei Reverberi che, data la terza positività nella stessa stagione, rischia una nuova interruzione del’attività sportiva come quella patita dopo il Giro.

L’ex velocista di Roth e Zalf è stato trovato positivo ad un diuretico, sostanza considerata coprente. La sua linea difensiva, come da lui dichiarato a La Gazzetta dello Sport, punta sull’errore: «So di non avere fatto nulla di male. Il problema è che mia madre prende il Lasix ai pasti. Nel dividere la pastiglia ne deve essere finita per forza qualche parte nel mio piatto. L’UCI sta studiando il caso e non ha ancora emesso il verdetto, ma non credo io possa essere punito oltre la negligenza».

Archivio

La vignetta di Pellegrini

Versione stampabile Versione stampabile