Il tifoso Elia Viviani fotografato con Valentino Rossi a Valencia © Instagram
Il tifoso Elia Viviani fotografato con Valentino Rossi a Valencia © Instagram

Spiaggia, sole, mare e non solo

Ecco come i corridori hanno trascorso questo mese di vacanza prima di ritornare a pedalare in vista della prossima stagione

Negli ultimi anni la stagione ciclistica si sta allungando sempre di più, a causa dei tanti appuntamenti sparsi in giro per il mondo anche in autunno inoltrato. Tuttavia, al termine di un’annata passata a rincorrere i propri obiettivi prefissati sin dalle prime settimane dell’anno, il mese di novembre è tradizionalmente quello dedicato alle meritate vacanze. In queste ultime settimane infatti c’è chi è partito per una settimana in una delle località balneari più famose del mondo, chi ha potuto incontrare i propri amici che non frequenta abitualmente, chi ha preferito visitare le bellezze di una città scoprendo in tal maniera nuovi luoghi affascinanti, chi ha festeggiato le proprie vittorie stagionali con il suo fans club e non solo. Andiamo quindi a scoprire come alcuni corridori italiani hanno trascorso le proprie vacanze, ormai sulla via del tramonto, prima di rimettersi ad allenarsi durante la preparazione invernale che, come tutti sanno, per un ciclista è uno degli snodi fondamentali per poi andare a caccia di grandi risultati nel corso della prossima stagione.

Borgo Valsugana in festa con Matteo Trentin (con annesso annuncio)
Uno dei principali protagonisti del finale di stagione è stato Matteo Trentin il quale, con sua moglie Claudia Morandini, ex sciatrice alpina della nazionale azzurra, è volato a New York per vivere qualche giorno di assoluto relax prima di intraprendere una nuova avventura con la maglia dell’Orica Scott. Il trentino in questo mese si è voluto dedicare anche ai propri tifosi, organizzando nella serata del 6 novembre una festa, presso il palazzetto dello sport di Borgo Valsugana, alla quale hanno partecipato oltre 500 suoi fan, tra cui anche una buona parte provenienti dal Belgio. All’evento sono stati invitati anche il Commissario Tecnico Davide Cassani ed il corridore del Team Sky Gianni Moscon il quale, nel corso di un simpatico siparietto sul palco del palasport, ha regalato a Trentin una medaglia di legno per il suo quarto posto all’ultimo campionato del mondo a Bergen in Norvegia e su di essa erano incise le seguenti parole: “Per chi ha la montagna nel cuore, la medaglia di legno ha più valore”. L’occasione di festeggiare la sua bellissima annata è inoltre servita al corridore della Quick Step Floors per annunciare a tutti i suoi tifosi, e non solo, che sua moglie Claudia è in attesa di un altro bambino, il quale andrà dunque a far compagnia al piccolo Giovanni che il prossimo gennaio spegnerà le sue prime quattro candeline. E chissà, che tra qualche anno non vedremo i due piccoli Trentin a sfidarsi sulle due ruote con un supervisore d’eccezione come loro papà Matteo.

La Fellinata benefica per Fabio Felline
Se il trentino ha concluso la stagione alla grande, lo stesso non lo si può dire per Fabio Felline il quale, a causa di una toxoplasmosi, è stato costretto a terminare a metà settembre la propria annata ciclistica. E così ottobre è trascorso con alcuni viaggi in giro per il mondo: prima una gita a Venezia, poi una capatina a Parigi e, dopo una tappa a Doha, si è diretto alle Maldive dove ha vissuto una settimana di riposo. Al suo rientro in Piemonte, come accade ormai da sette anni, anche nel 2017 è stato, con l’aiuto del suo Fans Club, l’organizzatore della tradizionale La Fellinata, una pedalata di circa quaranta chilometri nel torinese. L’appuntamento è andato in scena il primo novembre a Rivoli e all’evento hanno preso parte più di 500 persone. Ma l’edizione di quest’anno ha avuto un valore ancor più importante rispetto le precedenti, perché sono stati raccolti fondi a favore del Corpo Volontari Antincendi Boschivi, impegnato nelle ultime settimane a spegnere gli incendi in Val Susa. Un bel gesto quello del ventisettenne della Trek-Segafredo.

Salvatore Puccio e la salita… all’altare
Il 15 ottobre 2017 rimarrà una data che Salvatore Puccio non dimenticherà mai per tutta la sua vita. E non perché ha vinto una corsa, quanto piuttosto per il matrimonio con Francesca. Il siciliano, nella Chiesa di San Pietro ad Assisi, ha detto sì alla donna della sua vita in una cerimonia celebrata da Don Daniele Laghi, sacerdote trentino e grande amico di molti corridori. All’evento era presente anche la sua bicicletta Pinarello azzurra, come quella da lui utilizzata ai recenti campionati del mondo, su cui era riportati il numero, l’elenco dei suoi compagni di squadra e il nome di tutte le corse che il corridore del Team Sky ha disputato in questa stagione. Inoltre, attaccato al reggisella, c’era un talloncino con i nomi dei due sposi ed il numero 15, il giorno del matrimonio. Al cerimonia hanno partecipato numerosi corridori tra cui Elia Viviani, Matteo Trentin, Eros Capecchi, Diego Rosa, Kristian Sbaragli e Gianni Moscon. Ed è stato proprio il noneso a pubblicare sui social un messaggio molto significativo per i nuovi marito e moglie: “Adotta la tecnica che hai imparato nel Team Sky: avrete salite e discese da affrontare sul vostro cammino e l’importante è affrontarle insieme uniti!” E noi tutti ci uniamo alle sue parole, augurando grandi gioie alla coppia di sposi.

Esperienza africana per Sonny Colbrelli
Con la conclusione della stagione molti corridori riescono a dedicare parte del loro tempo ai propri amici che, durante l’anno, è difficile frequentare con assiduità. È questo il caso anche di Sonny Colbrelli, il quale ha organizzato diverse cene con i suoi amici, nelle quali ha potuto gustare alcuni piatti a cui durante l’anno, dovendo seguire una dieta specifica, è costretto a rinunciare. Come meta delle sue vacanze insieme alla compagna Adelina ha scelto il Madagascar, trascorrendo una decina di giorni nell’isola più vasta dell’Africa. Questa, per il bresciano della Bahrain Merida, è stata un’ottima occasione per rilassarsi e ricaricare le batterie in vista del 2018 e durante la sua permanenza in un piccolo villaggio africano molto tranquillo ha potuto vedere con i propri occhi una realtà diversa da quella europea. La coppia ha inoltre visitato sia le città principali dell’ex colonia francese sia alcune piccole isole situate nell’Oceano Indiano, concedendosi anche un’escursione in quad nel pieno della foresta.

Vacanza tra le meraviglie di Napoli per Davide Martinelli
Uno dei corridori che invece ha preferito trascorrere la maggior parte delle proprie vacanze in patria è Davide Martinelli. Il portacolori della Quick Step Floors, al termine del Tour di Guangxi, a inizio novembre è partito per la volta di Napoli con la compagna Rebecca Gariboldi, attiva nel fuoristrada con il team Isolmant Specialized, l’amico Damiano Cima e la di lui fidanzata. I quattro, nella veloce vacanza nel capoluogo campano, hanno avuto l’occasione di visitare le bellezze del centro storico napoletano tra cui compresi Piazza del Plebiscito, i Quartieri Spagnoli e il famosissimo lungomare Caracciolo. Nel loro periodo di permanenza in regione non sono mancati i viaggi in Costiera Amalfitana, alla Reggia di Caserta e tra gli scavi archeologici di Pompei.

Tanti impegni per Elia Viviani
Chi invece non si è dedicato completamente alle vacanze è Elia Viviani. Il campione olimpico di Rio de Janeiro 2016 ha infatti preso parte dal 14 al 19 novembre alla Sei Giorni di Gand in Belgio in coppia con Michele Scartezzini. I due azzurri, pur avendo concluso lontani dai primi a causa del forfait per problemi fisici nella seconda serata dell’alfiere della Sangemini-MG.Kvis, sono comunque riusciti a raccogliere ottimi risultati nelle singole prove. Prima di dedicarsi alla pista, però, è volato con la compagna Elena Cecchini in Thailandia. La coppia ha visitato il tempio di Buddha nel centro di Bangkok, ha ammirato lo splendido tramonto in riva al mare ed è anche salita in groppa ad un elefante al Mu Ko Lanta National Park. Durante la visita della capitale i due hanno accettato l’invito da parte della Vittoria per una visita presso la loro sede nella città tailandese, inaugurata nel gennaio del 2013. Agli tradizionali allenamenti in sella il veronese, al suo rientro in Europa, ha inframezzato la presenza come spettatore al Gran Premio conclusivo del Motomondiale a Valencia. Ad accompagnare il portacolori del Team Sky, prossimo al passaggio alla Quick-Step Floors, ci ha pensato Filippo Pozzato, grande appassionato di motori: la coppia non ha mancato di farsi fotografare in compagnia di Valentino Rossi. Insomma, un quadretto fra tre, che sulle due ruote, hanno conquistato qualcosa di importante.

Archivio

La vignetta di Pellegrini

Versione stampabile