Eddy Merckx alla presentazione della partenza del Tour de France 2019 © Belga
Eddy Merckx alla presentazione della partenza del Tour de France 2019 © Belga

Presentate le prime tappe del Tour de France 2019: avvio con Muur e cronosquadre

Con una cerimonia svolta a Bruxelles, ASO ha annunciato quali saranno le prime due tappe del Tour de France 2019. Già dalla scorsa primavera era noto che la Grande Boucle numero 106 sarebbe scattata dal Belgio, precisamente dalla capitale. Oggi, invece, sono stati presentati per intero i primi appuntamenti, che promettono già molto spettacolo.

Il fine settimana di apertura è previsto per il 6-7 luglio 2019 e sarà dedicato al più forte ciclista di tutti i tempi. Esattamente a 50 anni di distanza dalla prima maglia gialla di Eddy Merckx, la prova a tappe transalpina omaggerà il Cannibale proprio sulle sue strade di casa.

Sabato 6 luglio il Tour partirà con una frazione in linea di 192 km partendo da Bruxelles, precisamente dalla Place des Palais in cui è presente il Palazzo Reale. Si passerà poi per le Fiandre, affrontando due muri in pavé: il primo è il passaggio sul leggendario Muur di Geraardsbergen, momento clou dell’intera giornata. A esso seguirà in rapida successione il Bosberg. Ma da questa accoppiata spauracchio mancheranno quasi 140 km al traguardo: si scenderà infatti verso sud, nella provincia di Hainaut. Da Charleroi partirà la risalita attraverso il Brabante fiammingo per portare la gara alla linea d’arrivo, posta in prossimità del Castello di Laeken, dove vive la famiglia reale del Belgio, nell’immediata periferia della capitale. Con grande probabilità si assisterà ad una volata, da vedere però se qualcuno rimarrà attardato strada facendo.

La planimetria della prima tappa del Tour de France 2018
La planimetria della prima tappa del Tour de France 2018

Domenica 7 luglio l’omaggio a Merckx sarà ancora più evidente. È infatti in programma una cronometro a squadre di 28 km. Partenza da Bruxelles, sempre dal Parco Reale, e passaggio (come già avvenuto il giorno precedente) a Woluwe Saint Pierre, cittadina della cintura urbana nella quale l’ex corridore della Molteni passò la giovinezza. E proprio in questa località indossò la prima delle 96 maglie gialle il 29 giugno 1969, quando si tenne una cronometro a squadre vinta dalla sua Faema. L’arrivo dell’esercizio sarà nella capitale, a fianco dello scenografico Atomium costruito per l’Esposizione Universale 1958.

La planimetria della seconda tappa del Tour de France 2019
La planimetria della seconda tappa del Tour de France 2019

Visita lo store di Cicloweb!

Dal nostro Store

Ciclismo in Tv

Non ci sono eventi imminenti.

Archivio

La vignetta di Pellegrini

Versione stampabile