Pierpaolo De Negri © Instagram
Pierpaolo De Negri © Instagram

De Negri come Bucchi e Monaco: “La positività? Colpa del cinghiale”

Come spesso capita quando si risulta positivi ad una sostanza dopante, lo sventurato di turno cerca una giustificazione per scagionarsi. Alle volte qualcuno ci riesce anche, come è recentemente successo a Michael Bresciani, in altri non si riesce neanche a seguito di perizie speciali e reclami al TAR, come accadde per Contador. Nel caso di Pierpaolo De Negri, la giustificazione è piuttosto bizzarra: il corridore spezzino, interrogato dal Secolo XIX, ha messo sul banco degli imputati la carne di cinghiale. “Volevo smettere, ma volevo farlo a testa alta. Il metabolita si trova nella carne di cinghiale, che io amo mangiare”.

Non è il primo a cercare di giustificare una positività agli steroidi anabolizzanti in questo modo: quasi 20 anni fa, nel pieno del caso nandrolone, i calciatori Christian Bucchi e Salvatore Monaco, accamparono questa tesi, così come in tempi più recenti il campione del mondo dei pesi massimi Tyson Fury.  Nessuno di loro è riuscito poi a dimostrare la propria innocenza: le quantità di carne da ingerire necessarie per arrivare ad una positività sono notevoli, oltre che poco compatibili con l’alimentazione di uno sportivo.

Archivio

La vignetta di Pellegrini

Versione stampabile Versione stampabile