La gioia di Sacha Modolo, vincitore della terza tappa della Vuelta a Andalucía © Photo Gómez Sport
La gioia di Sacha Modolo, vincitore della terza tappa della Vuelta a Andalucía © Photo Gómez Sport

La Ruta del Sol, el ritmo de Sacha

Modolo si riscatta vincendo in volata la terza tappa della Vuelta a Andalucía, prima vittoria in maglia EF Education First

L’errore o se preferite la leggerezza che gli era costata la vittoria nella prima tappa della Vuelta a Andalucía è servito da lezione: stavolta Sacha Modolo non si è fatto rimontare da nessuno e sulla linea del traguardo ha dato comunque il colpo di reni per evitare altre brutte sorprese, nonostante il più vicino degli avversari fosse a distanza di sicurezza.

Il 30enne velocista veneto è riuscito oggi a conquistare la prima vittoria con la nuova maglia della EF Education First-Drapac: iniziare la nuova avventura con il piede giusto è importante, soprattutto per conquistarsi la fiducia dei compagni, ma se questa sarà una stagione di svolta per la sua carriera, però, lo scopriremo solo più avanti quando le sfide saranno di livello maggiore.

Quattro in fuga, il gruppo li tiene a tiro
Dopo l’arrivo in salita di ieri, la Vuelta a Andalucía è tornata a proporre una frazione ideali per i velocisti: nei 166.1 chilometri tra Mancha Real e Herrera c’erano solo due gran premi della montagna di terza categoria che non potevano spaventare nessuno. In una tappa dall’esisto quasi scontato, la fuga di giornata ha impiegato più tempo del previsto per sganciarsi dal plotone: ci sono voluti circa 25 chilometri per vedere Marco Minnaard (Wanty-Groupe Gobert), Álvaro Cuadros (Caja Rural), HEctor Sáez (Euskadi-Murias) e Óscar Cabedo (Burgos-BH) prendere un certo margine di vantaggio. Da segnalare nei chilometri iniziali una brutta caduta del portoghese Amaro Antunes (CCC Sprandi Polkowice), nono in classifica generale, che è stato costretto al ritiro.

I quattro battistrada sono riusciti a guadagnare un massimo di 2’40” con il gruppo guidato da Sky, Direct Energie e EF Education First che non ha mai voluto rischiare di perdere il controllo della tappa. A circa 25 chilometri dall’arrivo, con il vantaggio ormai sceso sotto al minuto, Álvaro Cuadros e Hector Sáez hanno staccato i compagni di avventura per provare a prolungare la loro presenza in testa alla corsa: in parte ci sono riusciti, ma alla fine anche solo sono stati riassorbiti dal plotone quando al traguardo mancano 12 chilometri.

Ottimo sprint di Modolo, piazzati Gatto e Pasqualon
Nel finale è stata l’Astana con un ottimo Moreno Moser ad allungare il gruppo per prima in un tratto di leggera salita ai meno 4, poi nell’ultimo chilometro ci hanno pensato due curve ed una scivolata di Venturini a togliere un po’ di concorrenza nelle prime posizioni: la EF Education First ha lanciato benissimo Sacha Modolo che con un volata di testa si è tenuto alle spalle Carlos Barbero (Movistar) ed il colombiano Nelson Soto (Caja Rural). Buono anche il quarto posto di Oscar Gatto (Astana) mentre tra gli altri piazzamenti segnaliamo il settimo posto di Eduard Grosu (Nippo) ed il nono di Andrea Pasqualon (Wanty). La classifica generale è rimasta invariata con Wout Poels (Sky) sempre in maglia di leader.

Visita lo store di Cicloweb!

Archivio

La vignetta di Pellegrini

Versione stampabile