Paolo Baccio © Mastromarco
Paolo Baccio © Mastromarco

Trofeo Piva, gran colpo da finisseur di Baccio: allunga nell’ultimo km e vince

L’edizione 2018 del Trofeo Piva, nonostante il cambiamento nel tracciato riguardante l’eliminazione della salita di Combai, ha comunque evitato l’arrivo a ranghi compatti che si ipotizzava alla vigilia. Merito di uno dei giovani più interessanti del panorama under 23 italiano, vale a dire Paolo Baccio.

Il siciliano, campione nazionale a cronometro, ha cercato la sparata all’interno dell’ultimo km, provando ad anticipare l’ormai scontata volata di una quarantina di corridori. Il ventenne nativo di Avola è riuscito a tenere fin sul traguardo, giungendo a braccia alzate e regalandosi la più importante vittoria della carriera nelle prove in linea.

L’alfiere della Mastromarco Sensi Nibali esulta quindi a Col San Martino, al termine dei 160 km previsti per l’appuntamento numero 70 con la prova trevigiana. Sul podio salgono due dei papabili per il successo come l’australiano Robert Stannard (Mitchelton BikeExchange) e il britannico Jake Stewart (Gran Bretagna).

Il resto della top 10 è composto da soli atleti italiani. Quarto posto per Matteo Donegà (Cycling Team Friuli) quindi, a seguire, Stefano Oldani (Team Colpack), Giovanni Lonardi (Zalf Euromobil Désirée Fior), Nicolas Nesi (GS Maltinti Lampadari), Simone Bevilacqua (Petroli Firenze-Hopplà), Andrea Colnaghi (Palazzago Amarù) e Michele Corradini (Mastromarco Sensi Nibali).

Archivio

La vignetta di Pellegrini

Versione stampabile