Mihkel Räim in una curiosa posa © Dvir Almog
Mihkel Räim in una curiosa posa © Dvir Almog

Vuelta Castilla y León, prima stagionale per il talentuoso Räim

Come accaduto ieri, anche la seconda tappa della Vuelta Castilla y León è stata decisa con una volata. A esultare al termine dei 178.3 km della Valladolid-Palencia è stato Mihkel Räim. Per il talentuoso estone si tratta di una liberazione: una caduta a inizio febbraio, durante il finale della terza tappa della Colombia Oro y Paz, lo ha costretto ad un lungo recupero, con il rientro alle gare datato solo a metà aprile.

Il ventiquattrenne baltico della Israel Cycling Academy ha avuto la meglio sulla Euskadi Basque Country-Murias, con i baschi che, come accaduto 24 ore fa, occupa il resto del podio: stavolta tocca a Jon Aberasturi e a Enrique Sanz accompagnare il vincitore tra i premiati. Quarto il neerlandese Raymond Kreder (Team UKYO), quinto il russo Kirill Sveshnikov (Lokosphinx), quindi lo spagnolo Daniel López (Burgos BH), il colombiano Edwin Ávila (Israel Cycling Academy) e lo spagnolo Carlos Barbero (Movistar Team). Quest’ultimo continua a guidare la generale, ma il margine su Aberasturi è sceso a 1″. Domani frazione conclusiva con arrivo a Ávila, con un nuovo sprint all’orizzonte.

Visita lo store di Cicloweb!

Archivio

La vignetta di Pellegrini

Versione stampabile