Andrea Guardini al Tour of Croatia © Bettiniphoto
Andrea Guardini al Tour of Croatia © Bettiniphoto

Giro d’Italia, Andrea Guardini costretto al ritiro per uno stato febbrile

Già nella cronometro di apertura di venerdì era in grande difficoltà, con l’ultimo posto a distanza anche dai più immediati colleghi. Nelle due frazioni israeliane non è mai riuscito a disputare le volate, suo terreno di elezione. La ragione per cui Andrea Guardini non si è visto a Tel Aviv ed Eilat si è capita quest’oggi.

Il velocista veronese, al ritorno al Giro d’Italia dopo l’unica esperienza avvenuta nel 2012, si è ritirato. Come dichiarato al microfono di RaiSport dal team manager della Bardiani CSF Roberto Reverberi il ventottenne di Tregnago era alle prese, sin dalla vigilia della partenza della Corsa Rosa, con uno stato febbrile. Il giorno di riposo non ha portato giovamento all’ex Astana, che è stato costretto a mettere piede a terra nel corso della Catania-Caltagirone.

Archivio

La vignetta di Pellegrini

Versione stampabile