Gianni Moscon © Team Sky
Gianni Moscon © Team Sky

Gianni Moscon: « Mi scuso con tutti»

Le dichiarazioni al termine della quindicesima tappa del Tour de France: Dan Martin non sente più la pressione, Cort Nielsen ringrazia il team

MAGNUS CORT NIELSEN (Astana Pro Team)
«È fantastico! Ho centrato uno dei miei più grandi sogni di quando ho iniziato a pedalare. Voglio ringraziare la squadra per avermi dato l’opportunità di partecipare al Tour. Un grazie di cuore va a Michael Valgren che oggi si è reso protagonista di una prova splendida, dandomi un supporto totale. Tutto è stato perfetto: con il ds Lars Michaelsen avevamo parlato nei giorni scorsi di questa tappa, che poteva sposarsi bene con le mie caratteristiche. Abbiamo centrato la fuga e tutto è andato per il meglio. Ieri eravamo felicissimi per il successo di Omar Fraile e questo mi ha conferito la fiducia nel poter centrare ogni traguardo in questo Tour. Nel finale sono rimasto sempre attento, perché sapevo che qualcuno voleva attaccare. Conosco la mia abilità allo sprint, ma c’è sempre il rischio di venire anticipato. Sono stato bravo a rispondere ai tentativi altrui e a finalizzare con lo sprint».

ION IZAGIRRE (Bahrain Merida)
«Mi sarebbe ovviamente piaciuto vincere ma sapevo che Cort era più veloce di me. Abbiamo corso bene e in volata ho cercato di sorprenderlo: tuttavia era lui il più forte. Ora ci attendoni i Pirenei, zona speciale per me. La mia famiglia verrà a trovarmi e per strada ci saranno tanti tifosi a cui voglio regalare grandi emozioni».

DOMENICO POZZOVIVO (Bahrain Merida)
«Nella fuga c’eravamo io, Ion e Sonny: dopo la lunga salita siamo comunque stati capaci di rimanere in due. Il finale non era affatto favorevole agli scalatori come me e Ion ma ci abbiamo comunque provato. Nelle ultime due giornate mi sono sentito decisamente bene e tornerà alla carica nelle tappe pirenaiche».

GERAINT THOMAS (Team Sky)
«C’era un po ‘di vento ed era abbastanza stressante ma i ragazzi hanno controllato molto bene. E ‘partita la fuga giusta per noi, quindi siamo rimasti soddisfatti. Poi ovviamente Dan (Martin) è andato sull’ultima salita della giornata, c’erano 40 km da percorrere con 20 km di pianura e un po ‘di vento, quindi era un po’ pretenzioso. Bardet ha provato in discesa ma abbiamo sempre avuto il controllo e ci siamo semplicemente assicurati di essere lì davanti. C’era vento negli ultimi 15 km ma non era abbastanza per fare qualunque cosa, ma c’era comunque un po ‘di stress, eravamo sempre nel posto giusto ed alla fine il bilancio della giornata è ottimo. Sto prendendo ogni giorno così come va, non vedo l’ora che arrivi il giorno di riposo e poi affronteremo il grosso blocco dei Pirenei».

DAN MARTIN (UAE Team Emirates)
«Ieri è stato come premere un bottone di reset. Oggi mi sono detto: vai e divertiti. La Lotto Jumbo voleva andar piano sulla salita finale e questo mi annoiava. Non c’è un obiettivo adesso, spero di mantenere questa condizione anche sui Pirenei. Ho provato un paio di volte ad intrufolarmi nelle fughe, ma la Sky non me lo ha permesso. Pensavo che la discesa fosse molto più “discesa”, invece ho dovuto pedalare tutto il tempo e non sono riuscito a prendere la velocità sufficiente».

BAUKE MOLLEMA (Trek-Segafredo)
«Per prima cosa dovevamo riprendere Majka, ma abbiamo lavorato bene con due di noi, due dell’Astana, due della Bahrain, quindi ci siamo riusciti. Poi tutti si sono guardati l’un l’altro, è stato un po ‘un gioco cercare di attaccare negli ultimi 10 km fino a quando sono riuscito a scappare con Izagirre e Nielsen. E ‘stato bello arrivare qui in fuga oggi, ma sai che Nielsen è così veloce che è difficile batterlo. Oggi ha meritato la vittoria. Non ha più avuto un’accelerazione nelle gambe alla fine. Quando Izagirre ha provato a circa 1 km dalla fine, sono stato quasi staccato e poi nello sprint non avevo più la velocità per sprintare contro quei ragazzi. Ad ogni modo, sono felice di essere stato in fuga perché quello era l’obiettivo di oggi. Era un bel gruppetto, e ci sono stati molti attacchi, ma mi sentivo bene. Potrei andare avanti e continuare a dare il massimo, quindi sono davvero contento di questo».

GIANNI MOSCON (Team Sky)
«Sono dispiaciuto per l’incidente odierno, rimpiango assolutamente le mie azioni e vorrei scusarmi personalmente with Elie Gesbert per quanto accaduto. Ciò che è successo è sbagliato ed è un pessimo esempio verso chiunque. Voglio pubblicamente scusarmi anche coi miei compagni, con chi lavora nel Team Sky e al Tour de France. Non ho scuse per quanto accaduto, accetto la decisione della giuria».

Visita lo store di Cicloweb!

Dal nostro Store

Archivio

La vignetta di Pellegrini

Versione stampabile