Peter Sagan impegnato nell'ultima tappa del Tour de France © ASO - Bruno Bade
Peter Sagan impegnato nell'ultima tappa del Tour de France © ASO - Bruno Bade

Ranking UCI, Sagan spodesta Froome dalla vetta. Viviani si conferma terzo, Italia sempre leader

Come era ampiamente prevedibile, il Tour de France ha rivoltato il ranking UCI individuale. Dopo la vetta conquistata al termine del Giro d’Italia, Christopher Froome perde lo scettro in favore di Peter Sagan. Lo slovacco della Bora Hansgrohe, nel suo eccellente percorso in Francia, ha ottenuto 700 punti che lo portano al comando della graduatoria con 4358 punti.

Come detto, Christopher Froome si accomoda in seconda posizione con 3939.68 punti: tuttavia per il britannico del Team Sky, stante la sua assenza annunciata alla Vuelta a España, non avrà modo di risuperare l’avversario nel breve termine. Il bel piazzamento ottenuto alla Prudential RideLondon consente a Elia Viviani di avvicinarsi al keniano bianco: il veronese della Quick Step Floors ha 3746 punti. Ma il mese di agosto sarà per lui decisivo: i risultati ottenuti nel 2017 (vittoria ad Amburgo e Plouay, secondo posto all’Europeo e bel rendimento al Poitou Charentes) gli hanno garantito 1094 punti, che proverà ovviamente a difendere con le unghie e con i denti.

Fa un super balzo in avanti, e non poteva essere altrimenti, Geraint Thomas: il vincitore del Tour in maglia Team Sky è ora quarto con 2834.25 punti. In una sorta di sfida senza fine, il quinto in questa graduatoria è chi più gli ha conteso la maglia gialla, vale a dire Tom Dumoulin: il neerlandese del Team Sunweb possiede 2828.19 punti.

Ha perso due posizioni ma si è ben difeso Alexander Kristoff: il norvegese della UAE Team Emirates è sesto con 2706 punti. Entra tra i migliori 10 il francese Julian Alaphilippe (Quick Step Floors), settimo con 2668.12 punti; cedono tre posti sia Alejandro Valverde (Movistar Team), ora ottavo con 2631, e Greg Van Avermaet (BMC Racing Team), nono con 2623.47. La top 10 viene chiusa con 2458 punti da Tim Wellens (Lotto Soudal). Complice la sfortunata Grande Boucle Vincenzo Nibali (Bahrain Merida) rimane con 2453 punti, scendendo di due posizioni.

La classifica per nazioni non conosce variazioni per quel che riguarda la testa. L’Italia è sempre, saldamente, al comando con ben 15297.79 punti: il margine sul Belgio, al secondo posto, è persino aumentato, dato che Gilbert e compagni ora vantano 13372.38 punti. L’ottimo Tour di Dumoulin, Kruijswijk e Groenewegen permette ai Paesi Bassi di issarsi al terzo posto con 11854.13 punti; ne fa le spese la Francia, ora quarta con 11657.12. Sempre quinta, ma più vicina, la Gran Bretagna con 11103.39. Seguono, a debita distanza, Spagna con 9535 e Colombia con 8824.8 punti.

Archivio

La vignetta di Pellegrini

L’angolo della polemica

Versione stampabile