Nacer Bouhanni firma autografi ai tifosi © Mathilde L'Azou
Nacer Bouhanni firma autografi ai tifosi © Mathilde L'Azou

Nacer Bouhanni ne combina un’altra: penalizzato per insulti al proprio direttore sportivo!

È un gran peccato vedere un atleta dilapidare il proprio talento. Quel qualcuno è Nacer Bouhanni: non si contano più i comportamenti poco edificanti in sella, nei comportamenti con i colleghi e con i dirigenti. Quest’oggi, nel corso della quinta tappa della Vuelta a España, ha aggiunto un nuovo episodio alla lunga lista.

Come riporta il comunicato della giuria il nativo di Épinal è stato multato con 100 franchi svizzeri, penalizzato di 20″ in classifica generale e di 10 punti nella classifica a punti per “colpi contro un veicolo“. E leggendo la comunicazione successiva si capisce bene: oltre a quanto già riportato, Bouhanni ha ricevuto ulteriori 200 franchi svizzeri, 10” di penalità e 5 punti sottratti per “comportamento che danneggia il ciclismo fra un corridore e un direttore sportivo“.

Chi è questo direttore sportivo? È Jean Luc Jonrod, suo direttore sportivo alla Cofidis, Solutions Crédits! Come è poi emerso dai media spagnoli, Bouhanni ha prima colpito violentemente in due occasioni la propria ammiraglia, scagliandosi poi verbalmente contro l’esperto tecnico con pesanti insulti.

Giusto per la cronaca, Bouhanni ha tagliato il traguardo in ultimissima posizione, a 25’26” dal vincitore e a 8’02” dai rivali più vicini. Al momento attuale la formazione nordista, che domani sarà costretta per punizione a occupare l’ultimo posto nella carovana delle ammiraglie, non si è ancora espressa sull’eventuale messa fuori corsa del proprio velocista. Che, ancora una volta, non esce affatto bene dalla vicenda.

Visita lo store di Cicloweb!

Archivio




Versione stampabile