18esima vittoria stagionale per Elia Viviani, primo a Madrid, ultima tappa della Vuelta 2018 © Quick-Step Floors
18esima vittoria stagionale per Elia Viviani, primo a Madrid, ultima tappa della Vuelta 2018 © Quick-Step Floors

Strepitoso Viviani! Suo il gran finale alla Vuelta a España, battuti Sagan e Nizzolo

Si è conclusa come da pronostico con una volata la 21esima e ultima tappa della Vuelta a España 2018, la Alcorcón-Madrid di 100.9 km; e con la tappa-passerella nella capitale si è chiusa ovviamente la corsa spagnola.

A imporsi nell’ultimo sprint, regalando a se stesso e ai suoi tifosi un’ennesima gioia, Elia Viviani, al 18esimo successo stagionale. Elia in questo caso ha perso le ruote del treno Quick-Step Floors, ha dovuto far da sé, e ha esibito nel finale un saggio di perizia e capacità di divincolarsi nella confusione di uno sprint. Nonostante sia partito da una posizione alquanto defilata, il veneto ha vinto nettamente, uscendo sul lato destro della strada, e precedendo di una bicicletta e mezza Peter Sagan (Bora-Hansgrohe), che emergeva dal lato opposto. Terza posizione per Giacomo Nizzolo (Trek-Segafredo), a seguire Danny Van Poppel (LottoNL-Jumbo), Marc Sarreau (Groupama-FDJ), Jon Aberasturi (Euskadi-Murias), Simone Consonni (UAE Emirates), Matteo Trentin (Mitchelton-Scott), Tom Van Asbroeck (EF Education First-Drapac) e Ryan Gibbons (Dimension Data).

Frazione a lungo pleonastica e dedicata ai festeggiamenti di rito, sul circuito madrileno la corsa si è accesa, soprattutto con un tentativo a quattro orchestrato da Joey Rosskopf (BMC), Garikoitz Bravo (Euskadi-Murias), Diego Rubio (Burgos-BH) e Nikita Stalnov (Astana), poi staccatosi a 30 km dalla fine; gli altri tre sono stati raggiunti nel penultimo giro, a circa 8 km dal traguardo, ma per tutta la durata dell’azione il loro margine era stato di 20-30″ al massimo.

La classifica finale vede Simon Yates (Mitchelton) trionfatore con 1’46” su Enric Mas (Quick-Step), 2’04” su Miguel Ángel López (Astana), 2’54” su Steven Kruijswijk (LottoNL-Jumbo), 4’28” su Alejandro Valverde (Movistar), 5’57” su Thibaut Pinot (Groupama-FDJ), 6’07” su Rigoberto Urán (EF Education First-Drapac), 6’51” su Nairo Quintana (Movistar), 11’09” su Ion Izagirre (Bahrain-Merida) e 11’11” su Wilco Kelderman (Sunweb). Primo degli italiani, Gianluca Brambilla (Trek-Segafredo), 16esimo a 30′ tondi da Yates.

Visita lo store di Cicloweb!

Dal nostro Store

Archivio

La vignetta di Pellegrini

Versione stampabile