Michael Antonelli © Mastromarco
Michael Antonelli © Mastromarco

C’è un aggiornamento sulla situazione di Michael Antonelli

Con un comunicato, il GS Mastromarco informa sulla situazione di Michael Antonelli, lo sfortunato ragazzo caduto lo scorso 15 agosto nel corso della Firenze-Viareggio e da allora in lotta per la vita. Dopo che la situazione di criticità si è stabilizzata, il diciannovenne è stato trasferito ad inizio ottobre ad Imola presso l’Istituto di Montecatone, struttura che costituisce uno dei principali poli a livello nazionale per la riabilitazione intensiva delle persone colpite da lesioni midollari e per la riabilitazione delle lesioni cerebrali acquisite. In queste prime tre settimane di ricovero presso la struttura Michael ha iniziato un lungo percorso riabilitativo.

Queste le parole del direttore sportivo Gabriele Balducci: «Bisogna essere ottimisti ma senza perdere d’occhio la realtà della situazione. Le condizioni continuano a essere difficili, la cosa certa è che Michael è un lottatore altrimenti non sarebbe ancora qui con noi. Ora in certi momenti Michael riesce a tenere un occhio aperto. I medici dicono che il suo è uno stato di minima coscienza. È sempre in terapia intensiva e costantemente monitorato. Ogni giorno è seguito dai fisioterapisti: noi gli abbiamo parlato e sono certo che ci ha riconosciuti e che ci ha sentiti. Stiamo costruendo la squadra per il 2019 e ci tengo a sottolineare che ai dodici corridori in rosa ne va aggiunto uno, il tredicesimo Michael Antonelli, lui è e rimane un corridore della Mastromarco Sensi Nibali. Abbiamo parlato con i famigliari di Michael che hanno espresso la volontà che sia la squadra a continuare a farsi portavoce di questa situazione verso l’esterno. Siamo tutti certi che lo staff medico e i fisioterapisti qui all’Istituto di Montecatone faranno il possibile e l’impossibile per lui ma sappiamo anche che questo potrebbe non bastare, però fino ad ora Michael ha sempre reagito e ci ha insegnato che non bisogna mai smettere di sperare e soprattutto di lottare».

Visita lo store di Cicloweb!

Archivio

La vignetta di Pellegrini

Versione stampabile