Samuele Zoccarato esulta alla Coppa 1 Maggio © General Store Bottoli
Samuele Zoccarato esulta alla Coppa 1 Maggio © General Store Bottoli

Il Big Board 2.0 Under 23 di Cicloweb, seconda parte

I migliori 100 prospetti del ciclismo giovanile: nel secondo capitolo i nomi da 80 a 61, tra gli azzurri spazio a Bais, Botta, Casarotto, Romano e Zoccarato

Dopo il successo dell’edizione di luglio Cicloweb ripropone il Big Board Under 23: il ranking dei 100 migliori corridori nati tra il 1996 e il 1999 e tesserati per formazioni non professionistiche (con l’eccezione della Hagens Berman Axeon). Ispirato alle classifiche dei siti statunitensi sui prospetti di basket, football e baseball, questo tabellone fornisce le generalità dei corridori citati, una stima del potenziale fatta dall’autore che va da un massimo di A a un minimo di F, una breve descrizione delle caratteristiche di ogni ciclista presente e qualche riga di note in cui sono presenti altre importanti informazioni sugli stessi.

Oggi la seconda delle sei puntate in cui è stato suddiviso questo board, in cui sono presentate le posizioni che vanno dalla ottantesima alla sessantunesima.

Questo il link alla prima puntata, con le posizioni dalla centesima all’ottantunesima.
Questo il link alla terza puntata, con le posizioni dalla sessantesima alla quarantunesima.

80) Mattia Bais
Provenienza: Italia
Squadra: Cycling Team Friuli
Data di nascita: 19/10/1996
Posizione nel board di luglio: 92°
Margini di miglioramento: D+
Caratteristiche: Bais è un attaccante nato, molto bravo a inserirsi nella fuga giusta.
Note: Bais scala ben 12 posizioni rispetto a luglio, merito di una costanza di rendimento che gli ha permesso di ottenere risultati lungo tutto l’arco della stagione. Il quinto posto al Romanian Cycling Tour corona l’annata di un corridore ormai pronto per il professionismo e che ha dimostrato di avere le qualità per riuscire a capitalizzare le molte fughe in cui riesce ad entrare.

79) Thomas Pidcock
Provenienza: Regno Unito
Squadra: Team Wiggins
Data di nascita: 30/07/1999
Posizione nel board di luglio: 84°
Margini di miglioramento: B+
Caratteristiche: Corridore completo capace di eccellere in più discipline. Tra gli junior, su strada, ha mostrato una buona attitudine a crono e sulle pietre. Di recente, inoltre, ha fatto vedere di cavarsela anche sugli strappi.
Note: Il 2018, per Pidcock, è stato un ottimo primo anno nella categoria. Il sesto posto di tappa nel difficile arrivo di Whinlatter Pass al Tour of Britain è sicuramente il risultato più importante della sua stagione. Al momento si sta dilettando nel cross, ove ha una squadra tutta sua e si è da poco laureato campione europeo Under 23.

78) Davide Casarotto
Provenienza: Italia
Squadra: General Store Bottoli Zardini
Data di nascita: 19/11/1997
Posizione nel board di luglio: N.P.
Margini di miglioramento: C+
Caratteristiche: Casarotto è un ottimo interprete delle gare di un giorno che ha dato dimostrazione di cavarsela anche sulle salite lunghe.
Note: Il rullino di marcia di Casarotto nelle corse di un giorno italiane è veramente impressionante: sedici top 10, sei podi e una vittoria. Spicca, tra tutti i risultati, il secondo posto in una delle classiche più importanti della categoria, ovvero il GP di Capodarco. Dopo le belle prestazioni al Giro del Friuli (dodicesimo in classifica generale e undicesimo nella frazioneregina), viene voglia di vederlo alle prese con altre competizioni a tappe.

77) Francesco Romano
Provenienza: Italia
Squadra: Team Colpack
Data di nascita: 09/07/1997
Posizione nel board di luglio: 47°
Margini di miglioramento: D
Caratteristiche: Romano si destreggia in salita e ha a disposizione un ottimo spunto veloce.
Note: Nel 2019 passerà professionista con la Bardiani. Scelta assolutamente condivisibile visto che la categoria Under 23 inizia a stargli stretta e la stagione appena conclusa, al netto delle tre vittorie ottenute e del secondo posto a San Vendemiano, ha dato l’idea di essere stata, per Francesco, più un passo di lato che un passo in avanti rispetto allo strepitoso 2017.

76) Onur Balkan
Provenienza: Turchia
Squadra: Torku Sekerspor
Data di nascita: 10/03/1996
Posizione nel board di luglio: N.P.
Margini di miglioramento: D+
Caratteristiche: Corridore veloce che si difende sia in salita che sul passo.
Note: Dopo un 2018 da stropicciarsi gli occhi, per la quantità di risultati ottenuti, è letteralmente impossibile continuare a ignorare il turco. Balkan ha vinto nove corse, tra cui il campionato nazionale, una tappa al Qinghai Lake, in cui ha battuto in uno sprint a ranghi compatti dei buoni velocisti, e la frazione conclusiva del Romanian Cycling Tour, con tanto di secondo in classifica generale. Stupisce, inoltre, la sua capacità di ottenere risultati in terreni tanto diversi tra loro: il portacolori della Torku, lungo la stagione, si è infatti piazzato non solo nelle volate, ma anche nelle cronometro e negli arrivi in salita.

75) Sasha Weemaes
Provenienza: Belgio
Squadra: EFC-L&R-Vulsteke (da luglio alla Sport Vlaanderen-Baloise)
Data di nascita: 09/02/1998
Posizione nel board di luglio: 17°
Margini di miglioramento: B+
Caratteristiche: Weemaes è un corridore abile negli sprint e nelle prove contro il tempo.
Note: Il belga è letteralmente crollato nella seconda parte di 2018: da luglio, infatti, è passato pro’ con la Sport Vlaanderen-Baloise e l’apprendistato non è stato agevole. Il suo unico risultato degno di nota, da giugno in poi, è il quinto posto al GP Monseré, sua prima gara tra i grandi. Troppo poco per un corridore che nei primi mesi dell’anno ha spadroneggiato in lungo e in largo. È ancora molto giovane, ad ogni modo, e ha tempo per crescere e migliorare fino a riuscire a correre un’intera stagione ad alti livelli.

74) Gabriel Cullaigh
Provenienza: Regno Unito
Squadra: Team Wiggins
Data di nascita: 08/04/1996
Posizione nel board di luglio: 56°
Margini di miglioramento: D+
Caratteristiche: Cullaigh è veloce, ma, allo stesso tempo, si difende bene anche quando la strada sale.
Note: Dopo un inizio di 2018 entusiasmante, il britannico ha continuato a raccogliere risultati anche nella seconda parte di stagione. Spiccano il settimo posto nel campionato nazionale dei professionisti e il quarto nella frazione inaugurale del Tour of Britain.

73) Lucas Eriksson
Provenienza: Svezia
Squadra: Motala AIF CK
Data di nascita: 04/10/1996
Posizione nel board di luglio: 80°
Margini di miglioramento: C
Caratteristiche: Corridore che brilla particolarmente nelle corse di un giorno grazie a delle buone doti sia in salita che sul passo.
Note: Dopo la perla della vittoria nel campionato nazionale riservato ai professionisti, Eriksson corona il suo 2018 giungendo quinto nella durissima prova in linea agli Europei di categoria a Zlin. Le ottime prestazioni sfornate lungo tutto l’arco della stagione gli sono valse il passaggio di categoria tra le file della Riwal, nuova Professional danese.

72) Mathias Jørgensen
Provenienza: Danimarca
Squadra: Riwal CeramicSpeed Cycling Team
Data di nascita: 05/05/1997
Posizione nel board di luglio: N.P
Margini di miglioramento: D+
Caratteristiche: Jørgensen è un cronoman di alto profilo.
Note: 2018 a dir poco strepitoso per il giovane danese, il quale conquista il campionato nazionale a cronometro di categoria, la Chrono des Nations Under 23 e si piazza sul podio nella prova contro il tempo dei Campionati Mondiali. Non c’è male.

71) Samuele Zoccarato
Provenienza: Italia
Squadra: General Store Bottoli Zardini
Data di nascita: 09/01/1998
Posizione nel board di luglio: N.P.
Margini di miglioramento: B
Caratteristiche: Zoccarato se la cava in salita ed è molto bravo ad andare in fuga.
Note: Il già buon 2018 di Zoccarato viene impreziosito nel finale di stagione con la vittoria del GP Ruota d’Oro, corsa di classe 1.2U, in cui l’italiano è uscito vincente da un duello con uno dei migliori corridori della categoria, vale a dire il francese Clément Champoussin. Per lui il futuro è in Svizzera con la IAM Excelsior.

70) Callum Scotson
Provenienza: Australia
Squadra: Mitchelton-Bike Exchange
Data di nascita: 10/08/1996
Posizione nel board di luglio: 45°
Margini di miglioramento: C-
Caratteristiche: Scotson è un cronoman con una vocazione per il pavé.
Note: Una seconda parte di stagione in cui ha corso poco, senza, peraltro, ottenere grossi risultati, costa a Scotson, quinto classificato nel 2018 in un’edizione durissima della Roubaix Under 23, ben 23 posizioni. L’anno prossimo è tra i grandi con la Mitchelton, da vedere cosa potrà fare.

69) Dusan Rajovic
Provenienza: Serbia
Squadra: Adria Mobil
Data di nascita: 19/11/1997
Posizione nel board di luglio: 63°
Margini di miglioramento: B-
Caratteristiche: Un velocista che si destreggia anche in cronometro brevi e su percorsi mossi.
Note: Rajovic, dopo l’ottimo avvio di stagione, continua ad ottenere risultati anche negli ultimi mesi dell’anno. Al Qinghai Lake trionfa nella decima frazione e nella classifica a punti, mentre sul finire di agosto vince, anticipando la volata, la Croatia-Slovenia.

68) Attila Válter
Provenienza: Ungheria
Squadra: Pannon Cycling Team
Data di nascita: 12/01/1998
Posizione nel board di luglio: N.P.
Margini di miglioramento: A-
Caratteristiche: Válter è un corridore in possesso di ottime doti quando la strada sale.
Note: L’ungherese, nel 2018, è autore di grandi prestazioni da febbraio a settembre e cresce con costanza col passare dei mesi. I risultati degni di nota sono molti, dalla top 10 agli Europei di Zlin, alla vittoria nei campionati nazionali. Tra tutti, però, brilla particolarmente il terzo° posto nella tappa più dura del Tour de Slovaquie, dove solo Alaphilippe e Hermans sono riusciti a precederlo (ma non a staccarlo).

67) Jonas Gregaard
Provenienza: Danimarca
Squadra: Riwal CeramicSpeed Cycling Team (stagista all’Astana Pro Team)
Data di nascita: 30/07/1996
Posizione nel board di luglio: N.P.
Margini di miglioramento: E+
Caratteristiche: Un corridore solido, forte in salita e a cronometro.
Note: Il suo 2018 si contraddistingue per la grande costanza di rendimento nelle corse a tappe. Il danese, promesso sposo dell’Astana, infatti, arriva dodicesimo alla Course de la Paix, terzo al Giro della Valle d’Aosta e tredicesimo al Tour de l’Avenir.

66) Juan Pedro López
Provenienza: Spagna
Squadra: Polartec-Kometa
Data di nascita: 31/07/1997
Posizione nel board di luglio: N.P
Margini di miglioramento: B
Caratteristiche: López è uno scalatore e uomo da corse a tappe.
Note: Dopo la vittoria alla Vuelta al Bidasoa viene promosso dalla Polartec dilettanti a quella Continental. Un salto da cui López non si fa condizionare troppo e, dopo un Giro Under 23 deludente, inizia a mettere in fila una serie di ottimi risultati. Al Giro della Valle d’Aosta è settimo, nonostante faccia da angelo custode al capitano Inkelaar per tutta la gara, mentre alla Prueba Villafranca e al Circuito de Getxo giunge, rispettivamente, ventesimo e dodicesimo.

65) Barnabás Peák
Provenienza: Ungheria
Squadra: Centre Mondial du Cyclisme (stagista Quick-Step Floors)
Data di nascita: 29/11/1998
Posizione nel board di luglio: 61°
Margini di miglioramento: A-
Caratteristiche: Un passista forte a cronometro, dotato di buono spunto veloce e capace di difendersi anche in salita.
Note: Peák si dimostra, anche nella seconda parte di 2018, un corridore incredibilmente eclettico, capace di arrivare dodicesimo sulla Planche des Belles Filles, così come di piazzarsi nei 10 al Gran Piemonte. Nel 2019 militerà tra le file della SEG Racing Academy, un contesto ideale per il giovane ungherese, nel quale potrebbe crescere ulteriormente e mettere in mostra l’enorme talento di cui è in possesso.

64) Davide Botta
Provenienza: Italia
Squadra: Team Colpack
Data di nascita: 25/02/1997
Posizione nel board di luglio: N.P.
Margini di miglioramento: C+
Caratteristiche: Scalatore puro che, in Italia, ha pochi eguali quando la strada sale.
Note: Nonostante un buon inizio di stagione, Botta ingrana veramente solo da luglio in poi. Al Giro della Valle d’Aosta si piazza nei dieci nei difficilissimi arrivi di Cervinia e Rhêmes-Nôtre-Dame, mentre in classifica generale chiude nono. Al Giro del Friuli, invece, è quarto sul Matajur e sesto nella graduatoria finale.

63) Alexys Brunel
Provenienza: Francia
Squadra: CC Étupes (stagista alla Groupama-FDJ)
Data di nascita: 10/10/1998
Posizione nel board di luglio: 20°
Margini di miglioramento: B-
Caratteristiche: Brunel è un cronoman che se la cava anche su salite non troppo lunghe.
Note: Dopo la splendida prestazione alla Liège Under 23, non riesce più a ripetere prestazioni del genere nelle corse in linea e deve accontentarsi di piazzarsi bene nelle cronometro, ove, comunque, non riesce a tenere testa agli specialisti.

62) Filip Maciejuk
Provenienza: Polonia
Squadra: Leopard Pro Cycling
Data di nascita: 03/09/1999
Posizione nel board di luglio: 44°
Margini di miglioramento: A-
Caratteristiche: Un ottimo cronoman che in futuro potrebbe diventare un corridore più completo.
Note: I primi mesi di 2018 sono stati strepitosi per il polacco, ma lo stesso non si può dire per la seconda parte dell’anno. Dopo il settimo posto ai Campionati Europei a cronometro di Zlin, infatti, Maciejuk non ha più ottenuto risultati degni di nota. Nulla di cui preoccuparsi, ad ogni modo, un calo del genere, per un primo anno, ci sta.

61) Adam Toupalik
Provenienza: Repubblica Ceca
Squadra: Corendon-Circus
Data di nascita: 09/05/1996
Posizione nel board di luglio: N.P.
Margini di miglioramento: C+
Caratteristiche: Toupalik è un ciclocrossista che, su strada, si destreggia sia in salita che a cronometro.
Note: L’aver fatto poche corse su strada lo penalizza, con una stagione completa alle spalle, probabilmente, sarebbe molto più in alto. Inizia a gareggiare a maggio e termina ad agosto. In quest’arco temporale giunge sesto sia alla Boucles de la Mayenne che ai Campionati Europei di Zlin, conquistando anche una tappa all’Arctic Race of Norway. L’anno prossimo diventa professionista su strada con la sua squadra, al seguito di sua maestà Van der Poel. Quindi occhio anche a lui.

Visita lo store di Cicloweb!

Archivio

La vignetta di Pellegrini

Versione stampabile