Filippo Ganna dopo il successo nell'inseguimento al Mondiale 2018 © SWPix
Filippo Ganna dopo il successo nell'inseguimento al Mondiale 2018 © SWPix

4’07″456! Ganna spaziale, si riprende il record italiano, sfiora quello mondiale

Un Inseguimento che sta regalando ai tifosi italiani emozioni a manetta, con il record italiano che è stato abbassato due volte nel giro di pochi minuti, nel corso dei Mondiali su Pista di Pruszkow. Prima era stato Davide Plebani a strappare il primato a Filippo Ganna, abbassando il limite da 4’13″607 a 4’11″764. Poi però il già iridato di specialità ha risposto da par suo, segnando il nuovo record con il tempo stratosferico di 4’07″456, a un passo addirittura dal primato del mondo di Ashton Lambie (4’07″251), con la piccola differenza che quel tempo l’americano l’ha fatto segnare in altura, ad Aguascalientes, mentre il crono di Filippo è il nuovo record a livello del mare (e seconda prestazione assoluta di sempre).

Il tutto è avvenuto nel corso delle qualificazioni dell’Inseguimento individuale (nelle quali tra l’altro Ganna era contrapposto in batteria proprio a Lambie, quinto e primo degli eliminati), che si sono concluse con due italiani pronti a giocarsi una medaglia: Ganna, che ha chiuso al primo posto la sessione, sfiderà per l’oro il tedesco Domenic Weinstein (secondo con 4’09″091); per il bronzo Plebani se la vedrà col russo Alexander Evtushenko (4’11″957). Ganna è il campione uscente di specialità, e aveva conquistato il titolo anche nel 2016, mentre fu argento nel 2017. Le finali sono in programma alle 20.32.

Visita lo store di Cicloweb!

Archivio

La vignetta di Pellegrini




Versione stampabile