La felicità di Iván García Cortina, vincitore al Tour of California © Getty Images
La felicità di Iván García Cortina, vincitore al Tour of California © Getty Images

Tour of California, prima da pro’ per García Cortina. Tra le donne ok Van der Breggen, 2ª Balsamo

La quinta tappa del Tour of California, la Pismo Beach-Ventura di 218.5 km, è stata caratterizzata da una fuga di dodici elementi: presenti gli azzurri Davide Ballerini (Astana Pro Team) e Leonardo Basso (Team Ineos) oltre a Tim Declercq (Deceuninck-Quick Step), Lennard Hofstede e Neilson Powless (Team Jumbo-Visma), Brandon McNulty (Rally UHC Cycling), Jasper Philipsen (UAE Team Emirates), Peter Sagan (Bora Hansgrohe), Michael Schär (CCC Team), Toms Skujins (Trek-Segafredo), Cees Bol (Team Sunweb) e Matteo Badilatti (Israel Cycling Academy).

Ma il gruppo non ha lasciato spazio andandoli a riprendere nel finale, con Declercq ultimo a venire riassorbito a circa 5 km dalla conclusione sullo strappetto di Ventura. Non appena il belga è stato raggiunto si è registrato un attacco deciso di Sergio Higuita, con lui rimane solo George Bennett.

La coppia ha proseguito il tentativo ma su di loro al termine della breve discesa si sono riportati prima sei elementi, poi un’altra dozzina abbondante e quindi altri atleti, a seguito del rallentamento del battistrada. Si è così giunti alla volata, lanciata da Maxi Richeze; il campione argentino pare poter conquistare il successo ma ad una ventina di metri dalla linea bianca viene sopravanzato da Iván García Cortina.

Il talentuoso spagnolo della Bahrain Merida ottiene la meritata prima vittoria da pro’ precedendo l’esperto sudamericano della Deceuninck-Quick Step. Seguono Sergio Higuita (EF Education First), Joris Nieuwenhuis (Team Sunweb), Kasper Asgreen (Deceuninck-Quick Step), Maximilian Schachmann (Bora Hansgrohe), Pawel Bernas (CCC Team), Nacer Bouhanni (Cofidis, Solutions Credits), Tadej Pogacar (UAE Team Emirates) e Hugo Houle (Astana Pro Team).

In classifica non cambia nulla e Tejay van Garderen (EF Education First) continua ad indossare la maglia gialla con 4″ su Asgreen e 6″ su Gianni Moscon (Team Ineos). Domani l’appuntamento clou con l’arrivo sul Mount Baldy.

Si è aperta, intanto, anche la tre giorni femminile con una frazione di 96.5 km con partenza e arrivo a Ventura. A vincere, grazie alla solita prova di forza nel finale, è stata Anna van der Breggen. La campionessa del mondo della Boels Dolmans è arrivata con 18″ sul primo gruppo inseguitrice, con il secondo posto ottenuto da Elisa Balsamo (Valcar Cylance) sulla colombiana Arlenis Sierra (Astana Women’s Team).

Completano la top ten Leah Kirchmann (Team Sunweb), Ashleigh Moolman (CCC-Liv), Kasia Niewiadoma (Canyon SRAM), Emma White (Rally UHC Cycling), Lizzie Deignan (Trek-Segafredo), Brodie Chapman (Team TIBCO-SVB) e Marta Cavalli (Valcar Cylance).

Visita lo store di Cicloweb!

Archivio

La vignetta di Pellegrini

Versione stampabile