Il logo dell'Emakumeen Bira
Il logo dell'Emakumeen Bira

Gli organizzatori si tirano indietro, futuro a forte rischio per l’Emakumeen Bira

Al momento della presentazione del calendario dell’UCI Women’s World Tour 2020 era balzata all’occhio l’assenza dell’Emakumeen Bira, senza neanche un accenno da parte dei vertici di Aigle come invece avvenuto per la RideLondon Classique. A fare chiarezza sono stati gli organizzatori della corsa a tappe basca di cui quest’anno è andata in scena l’edizione numero 32 che la rende uno degli appuntamenti storici del movimento: la verità è che non c’è stato nessuno rifiuto o nessun declassamento da parte dell’UCI, ma sono stati proprio gli stessi organizzatori a non iscrivere l’Emakumeen Bira al calendario internazionale.

L’organizzazione attuale ha deciso di fare un passo indietro perché sia la direzione dello sport del Governo Basco che la televisione basca ETB hanno dato scarso supporto alla corso mostrando piani diversi: «Che la organizzino loro!» ha scritto la corsa sulla propria pagina di Facebook. A questo punto il futuro dell’Emakumeen Bira è a forte rischio, a meno che una nuova società si faccia avanti per prendere in mano le redini: «Abbiamo cose migliori da fare, abbiamo altre cose da fare. Auguriamo tutta la fortuna del mondo a chi volesse dare il cambio. Forse conterà anche con più comprensione e appoggio da parte di istituzioni e media» si legge ancora su Facebook.

Visita lo store di Cicloweb!

Archivio

La vignetta di Pellegrini

Versione stampabile