La vittoria di Davide Appollonio alla Volta a Portugal © Podium - Paulo Maria
La vittoria di Davide Appollonio alla Volta a Portugal © Podium - Paulo Maria

Volta a Portugal, la zampata di Appollonio: vince alla prima tappa in linea dopo il rientro. Terzo Malucelli

Dopo il prologo di ieri la Volta a Portugal è oggi proseguita con la Miranda do Corvo-Leiria di 174.7 km. A caratterizzare la tappa, decisamente ondulata nella fase iniziale con quattro gpm nei primi 100 km, è stato un tentativo di quattro elementi: presenti i portoghesi Gaspar Gonçalves (Miranda-Mortágua) e David Ribeiro (LA Aluminios), lo spagnolo Peio Goikoetxea (Equipo Euskadi) e lo svizzero Matthias Reutimann (Swiss Racing Academy).

Il gruppo se la prende comoda, tanto che al km 80 il margine dei quattro è vicino agli 8′; le squadre dei velocisti se la prendono comoda, tanto che ai meno 50 km il gap è ancora nell’ordine dei 5′. A lavorare, in varie fasi, sono principalmente Caja Rural-Seguros RGA, Euskadi-Murias, Sporting-Tavira e Vito Feirense PNB.

A circa 15 km dalla fine si rompe il quartetto: prima Ribeiro e poi Goikoetxea si staccano, mentre Gonçalves e Reutimann continuano a collaborare, entrando negli ultimi 10 km con ancora 50″ da amministrare. Sono principalmente le due Professional spagnole ad incaricarsi dell’inseguimento ma i due di testa non demordono, possedendo 25″ ai meno 5 km. La Euskadi-Murias è la squadra che chiude sulla fuga, poco prima di entrare negli ultimi 3 km.

Una volta entrati negli ultimi 2 km, in un dentello, c’è una caduta fortunatamente che non causa conseguenze ai corridori; tra i coinvolti anche i due uomini di classifica della Efapel, Joni Brandão e Henrique Casimiro, e la maglia gialla Samuel Caldeira. Per tutti, comunque, vale la regola dei 3 km.

La volata viene impostata dalla Israel Cycling Academy ma nel rettilineo leggermente all’insù lo sprint di potenza premia Davide Appollonio. Il corridore molisano è alla prima gara in linea dopo il rientro alle competizioni, lui che è rimasto fermo per quattro anni per una positività all’EPO e che ha rimesso un numero sulla maglia per la prima volta solo ieri nel prologo.

L’alfiere della Amore&Vita-Prodir ha superato il portoghese Daniel Mestre (W52-FC Porto) e Matteo Malucelli (Caja Rural-Seguros RGA). Seguono in top ten August Jensen (Israel Cycling Academy), Daniel Freitas (Miranda-Mortágua), Alexander Grigoryev (Sporting-Tavira), Lukas Ruegg (Swiss Racing Academy), Marco Tizza (Amore&Vita-Prodir), Mikel Aristi (Euskadi-Murias) e Bram Welten (Team Arkéa-Samsic).

Nonostante la caduta, Samuel Caldeira (W52-FC Porto) mantiene la maglia gialla. Da segnalare una caduta nella fase iniziale che ha coinvolto il veterano Óscar Sevilla (Medellín), ma lo spagnolo è riuscito a tagliare il traguardo e dovrebbe proseguire la sua Volta. Domani tappa non complessa da Marinha Grande a Loures di 198.5 km ma l’arrivo è posto su un breve ma esigente strappo che darà possibilità ai tanti puncheur presenti di cercare soddisfazione.

Visita lo store di Cicloweb!

Archivio

La vignetta di Pellegrini

L’angolo della polemica

Versione stampabile