Luka Mezgec vince alla grande al Tour de Pologne © Tour de Pologne
Luka Mezgec vince alla grande al Tour de Pologne © Tour de Pologne

Sbuca Mezgec e batte Gaviria nella seconda del Polonia. Modolo 7°, Ackermann leader

Non era propriamente il più atteso, del lotto di sprinter che animano queste prime tappe di Tour de Pologne 2019, ma a Katowice a imporsi è stato Luka Mezgec. Lo sloveno della Mitchelton-Scott è uscito prepotentemente dalla scia di Fernando Gaviria (UAE Emirates), che era partito ai 150 metri e si è ritrovato letteralmente bruciato dal vorace spunto dell’avversario. Nessuno è riuscito a rimettere nel mirino Mezgec, che è andato bel bello a cogliere la seconda vittoria stagionale proprio davanti a Gaviria, già secondo ieri. Terzo posto per Pascal Ackermann (Bora-Hansgrohe), e poi nell’ordine si sono piazzati Danny Van Poppel (Jumbo-Visma), Marc Sarreau (Groupama-FDJ), Max Walscheid (Sunweb), Sacha Modolo (EF Education First), settimo e primo degli italiani, Clément Venturini (Cofidis), Matej Mohoric (Bahrain-Merida) ed Enzo Wouters (Lotto Soudal) al decimo posto.

Anche oggi (partenza a Tarnowskie Góry, 152 i km della tappa) in fuga abbiamo visto all’opera Charles Planet, già all’attacco ieri; e anche oggi al francese della Novo Nordisk s’è affiancato un portacolori della selezione polacca, Pawel Franczak. I due son partiti praticamente allo sparo e hanno subito approfittato del ritmo blando del gruppo per portarsi a 6′ di vantaggio dopo appena 15 km di gara. Ma il plotone, a lungo tirato dalla Bora del leader Ackermann, ha avuto buon gioco nel rimettere sotto controllo la fuga, fino ad andare ad annullarla a 18 km dal traguardo.

Pascal Ackermann resta primo della generale con 2″ su Gaviria, 4″ su Mezgec, 6″ su Franczak (che ha fatto incetta di abbuoni ai traguardi volanti), 10″ su Fabio Jakobsen (Deceuninck-Quick Step), oggi ostacolato in volata da John Degenkolb (Trek-Segafredo), e poi ancora 12″ su Ben Swift (Ineos) e Quentin Jauregui (AG2R La Mondiale), 13″ su Mohoric e 14″ su tanti altri, a partire da Van Poppel e Walscheid.

Domani il menu non cambia, dato che anche la terza tappa del Tour de Pologne sarà riservata alle ruote veloci: da Chorzow a Zabrze saranno 150 km totalmente privi di asperità (a meno di non voler considerare come tale un ministrappetto a metà percorso, unico simbolico Gpm di giornata).

Visita lo store di Cicloweb!

Archivio

Versione stampabile