Tiesj Benoot vince al PostNord Danmark Rundt © PostNord Danmark Rundt
Tiesj Benoot vince al PostNord Danmark Rundt © PostNord Danmark Rundt

Finale da finisseur, Tiesj Benoot vince la prima tappa del PostNord Danmark Rundt

Nella prima tappa del PostNord Danmark Rundt, il Giro di Danimarca, è arrivata la seconda vittoria in carriera del belga Tiesj Benoot: il vincitore della Strade Bianche 2018 è riuscito ad imporsi sul traguardo di Silkeborg dopo un bell’attacco nel finale orchestrato alla perfezione dagli uomini della Lotto Soudal, che ha piazzato anche l’altro belga Jasper De Buyst in seconda posizione.

La corsa era partita con una fuga di João Rodrigues (W52-FC Porto), Sasha Weemaes (Sport Vlaanderen-Baloise), Andreas Vangstad (Joker Fuel of Norway), Paolo Simion (Bardiani-CSF), Mads Rahbek (BHS), Jonathan Brown (Hagens Berman Axeon) e Aksel Bech Skot-Hansen (ColoQuick) che era stata annullata a 45 chilometri dall’arrivo, proprio in uscita da un tratto di strada sterrata che caratterizzata il percorso odierno. Nel finale ci sono stati altri attacchi: prima un quartetto formato da Torstein Traeen, Elmar Reinders, Jonas Abrahmsen e Andreas Hyldgaard, poi ci ha provato da solo il forte passista danese Mikkel Bjerg, ma a 3500 metri dalla conclusione il gruppo era di nuovo compatto.

Proprio sullo strappetto a tre chilometri dall’arrivo è arrivato un forcing molto deciso che ha permesso a sette uomini di avvantaggiarsi sul plotone: la Lotto Soudal era in superiorità numerica e l’ha sfruttata ottimamente lanciando Tiesj Benoot all’ultimo chilometro che è andato a vincere a braccia alzate. Gli altri attaccanti sono arrivati subito in scia a Benoot tanto da essere classificati con lo stesso tempo: Jasper De Buyst, come detto, si è preso la volata per la seconda posizione davanti ad Amaury Capiot (tripletta belga), Niklas Larsen, Krists Neilands, Amund Jansen e Mads Würtz; per il gruppo principale forte di una settantina di unità è stato registrato un distacco di 4″.

Visita lo store di Cicloweb!

Archivio

La vignetta di Pellegrini




Versione stampabile