La stretta di mano tra Bruno Barbieri e Martino Dal Santo © Bardiani Faizanè
La stretta di mano tra Bruno Barbieri e Martino Dal Santo © Bardiani Faizanè

Accordo raggiunto, dal 2020 ecco la Bardiani-CSF-Faizanè

Le trattative condotte nelle passate settimane hanno portato ad un’ottima notizia per il movimento italiano: a partire dal 2020 e per una durata di tre stagioni Faizanè, azienda veneta specializzata nella realizzazione di prodotti tecnoplastici su misura per l’industria e per sistemi pneumatici, si legherà come sponsor alla formazione della famiglia Reverberi, andando così a costituire la Bardiani-CSF-Faizanè Pro Cycling Team.

Queste le parole del general manager Bruno Reverberi: «È stato un lungo corteggiamento, ma siamo molto soddisfatti e felici di avere Faizanè al fianco dei nostri storici title sponsor Bardiani e CSF. In questi mesi c’è stato un susseguirsi di indiscrezioni legate alla nostra squadra e alle aziende che hanno sostenuto il team Nippo-Fantini-Faizanè. Dal canto nostro, abbiamo lavorato per due obiettivi. Il primo, dedicato alle aziende che volevano ancora investire nel ciclismo, era quello di offrire loro una realtà solida a cui affidarsi e un progetto sportivo ambizioso in cui credere. Il secondo, per la squadra, era quello di non rinunciare all’italianità del progetto, portato avanti con orgoglio e non senza difficoltà, e garantire investimenti per rinforzare l’organico e la struttura. Entrambi sono stati pienamente raggiunti».

Martino Dal Santo, èresidente di Faizanè, aggiunte: «Avviare la partnership con la famiglia Reverberi è stata una decisione ponderata e assolutamente convinta. Quando Pelosi ci ha comunicato che a fine anno la squadra avrebbe interrotto l’attività, ci siamo mossi fin da subito per capire quali opzioni avevamo. L’intenzione mia, di mia sorella Gabriella e mio fratello Maurizio era di continuare a veicolare il marchio attraverso il ciclismo professionistico. Non c’è mai stato dubbio a riguardo, ma volevamo fare la scelta migliore, valutando con attenzione l’impegno economico e il ritorno d’immagine. Quando abbiamo incontrato Bruno e Roberto Reverberi, si è creato fin da subito un clima di discussione positivo. Il progetto tutto italiano è stato l’elemento fondamentale dal quale tutto è partito. Siamo un’azienda orgogliosamente italiana, con oltre il 70% di fatturato sul mercato nazionale: l’affinità con la squadra è fortissima. Così come l’ambizione di voler costruire un progetto sempre più solido e ambizioso. Abbiamo la certezza di esserci legati ad una squadra seria che merita fiducia. “Per noi il ciclismo è un investimento di marketing e di passione. Nostro padre Pietro ci ha fatto conoscere questo sport bellissimo e l’amore è cresciuto sempre di più. Due anni fa abbiamo fatto il nostro ingresso nel professionismo pensando a lui, quasi a volergli fare un regalo ora che non c’è più. Ora non vogliamo più andarcene. Ringrazio Pelosi e lo staff della Nippo-Fantini-Faizanè perchè ci hanno permesso di vivere la squadra come una famiglia. Sento che con i Reverberi questo feeling non si interromperà».

Visita lo store di Cicloweb!

Archivio

La vignetta di Pellegrini




Versione stampabile