Dimitri Claeys sul gradino più alto del podio della Famenne Ardenne Classic © Famenne Ardenne Classic
Dimitri Claeys sul gradino più alto del podio della Famenne Ardenne Classic © Famenne Ardenne Classic

Il belga Dimitri Claeys conquista la Famenne Ardenne Classic

La terza edizione della Famenne Ardenne Classic, gara di un giorno belga di categoria 1.1, è stata vinta dal 32enne belga Dimitri Claeys che ha potuto salire sul gradino più alto del podio per la prima volta di quest’anno. Claeys, che dal 2017 veste la maglia della Cofidis, faceva parte di un quartetto di attaccanti che si era avvantaggiato negli ultimi 20 chilometri e dentro all’ultimo chilometro ha colto l’attimo ideale per allungare e andare a prendersi il successo.

Il protagonista più atteso della corsa era ovviamente Mathieu van der Poel che si è messo in mostra a modo sua, con uno stile di gara molto offensivo e andando in fuga dopo circa 80 chilometri di corsa assieme a Dewulf, Koch, Taaramaae e Rekita. Questo quintetto ha avuto fino a due minuti di vantaggio, ma il gruppo ha poi iniziato a riavvicinarsi sensibilmente: a 40 chilometri dall’arrivo è stato ancora Van der Poel ad attaccare in prima persona e a portare via un drappello di 8 corridori con i fuggitivi iniziali ed alcuni contrattaccanti.

Negli ultimi 20 chilometri, nel corso dell’ultimo dei tre giri finali attorno a Marche-en-Famenne, la Famenne Ardenne Classic ha cambiato volto perché prima è stata annullata la pericolosa fuga a 8, poi in contropiede sono ripartiti gli allunghi e sono riusciti a scappare via Anthony Turgis (Total), Baptiste Planckaert (Wallonie), Dimitri Claeys (Cofidis) e Rémy Mertz (Lotto): il gruppo, ormai ristretto e con poche forze dopo una giornata impegnativa sempre sotto la pioggia, non è riuscito ad organizzare un buon inseguimento e così la fuga è andata fino al traguardo.

All’interno dell’ultimo chilometro, Dimitri Claeys ha piazzato la zampata vincente sorprendendo Turgis e Planckaert che erano con lui e non sono riusciti a prendersi subito la scia. Baptiste Planclaert è quindi riuscito a prendere la secondo posizione, al terzo posto si è inserito un generoso Timo Roosen che ha dimostrato una gran condizione (ma una cattiva scelta di tempo) per tutta la gara, poi quarto Anthony Turgis, quinto Rémy Mertz mentre la volata del gruppo per la sesta posizione è stata vinta da Mathieu van der Poel davanti a Mike Teunissen.

Archivio

La vignetta di Pellegrini

Versione stampabile