Marc Soler vince alla Challenge Mallorca © Photo Gómez Sport
Marc Soler vince alla Challenge Mallorca © Photo Gómez Sport

Challenge Mallorca, nell’ultima salita Marc Soler prende e va a vincere. Terzo Villella

La Challenge Mallorca è proseguita oggi con la Lloseta-Andratx, prova di 168.9 km decisamente ondulata. A caratterizzare la giornata è stata una fuga, formata dallo svizzero Claudio Imhof (Svizzera) e dal danese Mads Würtz Schmidt (Israel Start-Up Nation), su cui all’inseguimento hanno tentato vanamente di aggiungersi in otto.

A comporre il gruppetto a bagnomaria sono stati gli spagnoli Julen Irizar (Fundación Orbea), Iván Moreno (Kern Pharma) e Carmelo Urbano (Caja Rural-Seguros RGA), il belga Emiel Planckaert (Sport Vlaanderen-Baloise), il neerlandese Etienne van Empel (Vini Zabú KTM), l’italiano Giacomo Garavaglia (Kometa Xstra), lo svizzero Joab Schneiter (Swiss Racing Academy) e il venezuelano Franklin Chacón (Gios Kiwi Atlantico). Costoro si sono avvicinati al massimo a 1’40” prima di venire ripresi.

Sul Coll den Bleda, al km 94, scattano due dei protagonisti ieri come Lennard Kämna (Bora Hansgrohe) e Marc Soler (Movistar Team); a loro si sommano prima Davide Villella (Movistar Team), Gregor Mühlberger (Bora Hansgrohe), Julien Bernard (Trek-Segafredo), Tomasz Marczynski (Lotto Soudal), Elie Gesbert e Diego Rosa (Team Arkéa-Samsic), Gonzalo Serrano (Caja Rural-Seguros RGA), Loïc Vliegen (Circus-Wanty Gobert), Rubén Fernández e Julen Irizar (Fundación-Orbea), quindi Daniel Savini (Bardiani CSF Faizanè), Jacob Scott (Canyon DHB), Urko Berrade (Kern Pharma) e Mathias Reutimann (Swiss Racing Academy).

Ai meno 60 km Würtz Schmidt alza bandiera bianca mentre Imhof resiste tutto solo sino ai meno 31 km; il gruppo inframezzato, che ha perso per una caduta Gesbert, viaggia con poco più di un minuto sul plotone principale prima che Kämna metta in mostra le sue qualità in discesa, avvantaggiandosi e cercando il numero. Ma a 18 km dal termine il tedesco, su uno strappetto, viene ripreso dallo scatto di Mühlberger e Soler, che iniziano a collaborare guadagnando secondo dopo secondo sugli inseguitori.

La coppia approccia la salita che porta sul traguardo, lunga poco più di 2 km con una pendenza media del 5.5%, con 1′ da amministrare. Sulle rampe decisive non c’è storia: Marc Soler fa la differenza e giunge tutto solo sotto lo striscione d’arrivo, regalando a sé e al Movistar Team il primo centro della stagione. Seconda piazza a 11″ per Gregor Mühlberger (Bora Hansgrohe), completa il podio a 1’04” un Davide Villella che inizia al meglio l’esperienza con la Movistar.

Seguono in top ten Lennard Kämna (Bora-Hansgrohe) a 1’04”, Diego Rosa (Team Arkéa-Samsic) a 1’10”, Tomasz Marczynski (Lotto Soudal) a 1’22”, Rubén Fernandez (Fundación-Orbea) a 1’39”, Loïc Vliegen (Circus-Wanty Gobert) a 1’40”, Emanuel Buchmann (Bora-Hansgrohe) a 2’55” e Alejandro Valverde (Movistar Team) a 2’57”.

Archivio

La vignetta di Pellegrini

L’angolo della polemica

Versione stampabile