Jakob Fuglsang vince la prima alla Vuelta a Andalucía © Getty Images
Jakob Fuglsang vince la prima alla Vuelta a Andalucía © Getty Images

Vuelta a Andalucía, subito duello tra Fuglsang e Landa: prima tappa al danese

Subito un bello spettacolo e distacchi nella prima tappa della Vuelta a Andalucía: ad alzare le braccia al cielo è stato il danese Jakob Fuglsang che al primo giorno di corsa stagionale si prende vittoria e prima maglia di leader, con la consapevolezza di essere ora in una posizione ideale per bissare il titolo conquistato un anno fa. Per l’Astana salgono a tre le vittorie di questo 2020, ottenute con tre corridori diversi.

In questa prima tappa della Vuelta a Andalucía c’era ben poca pianura fin dai primi chilometri e questo ha favorito in formarsi di una fuga di ben 11 corridori: il nutrito gruppo di battistrada era composto da Kobe Goossens (Lotto Soudal), Alexis Gougeard (AG2R La Mondiale), Maurits Lammertink (Circus-Wanty Gobert), Carmelo Urbano e Joel Nicolau (Caja Rural-Seugors RGA), Txomin Juaristi e Ibai Azurmendi (Fundación-Orbea), Willie Smit e Juan Felipe Osorio (Burgos BH), Iván Moreno e Jon Agirre (Kern Pharma) ma il plotone principale, tirato soprattutto da Movistar e Bahrain-McLaren ha sempre avuto sotto controllo le operazioni di inseguimento.

L’ultimo ad arrendersi è stato Maurits Lammertink a circa 16 chilometri, proprio sulle prime rampe del Puerto de las Palomas: la Circus-Wanty Gobert ha poi provato a muoversi anche con Loic Vliegen, ma a 11.5 chilometri sono entrati in azione i favoriti. Il primo scatto è stato di Ion Izagirre, poi a 11.3 chilometri è arrivato l’allungo deciso di Mikel Landa con il solo Jakob Fuglsang in grado di tenere il ritmo dello scalatore basco all’esordio in maglia Bahrain-McLaren.

Il gpm del Puerto de las Palomas era a poco più di 6 chilometri dall’arrivo di Grazalema e Fuglsang e Landa avevano qui circa 50″ di vantaggio su un gruppo di 10 inseguitori. Dopo la discesa, l’ultimo chilometro era di nuovo in salita con pendenze importante e con un fondo in lastricato a rendere il tutto più complicato: la coppia di testa si è studiata perdendo qualcosa dagli inseguitori, poi negli ultimi 200 metri Jakob Fuglsang ha aperto il gas e ha lasciato sul posto Mikel Landa andando a vincere con 6″ di vantaggio.

Per la Bahrain-McLaren è arrivato anche il terzo posto di Dylan Teuns a 25″ ed il quinto di Pello Bilbao a 27″, in mezzo a loro si è piazzato Jack Haig: in top10 sono giunti anche Ion Izagirre a 30″, Chris Harper a 54″, David de la Cruz e Harm Vanhoucke 1’03”, Rubén Fernandez a 1’07”; ritardo di quattro minuti per Enric Mas.

Visita lo store di Cicloweb!

Archivio

La vignetta di Pellegrini

L’angolo della polemica

Versione stampabile