Florian Vachon apre il dominio Arkéa-Samsic al Gp de Lillers © Jean Marc Hecquet
Florian Vachon apre il dominio Arkéa-Samsic al Gp de Lillers © Jean Marc Hecquet

Arkéa soverchiante al GP Lillers, Florian Vachon torna al successo dopo 6 anni

Torna alla vittoria quel vecchio arnese di Florian Vachon, rigenerato dalla cura Arkéa-Samsic che in questo 2020 sta dando ottimi frutti anche su altri corridori. Il 35enne francese non metteva un 1 in schedina da 6 anni, e oggi è tornato a festeggiare al GP de la Ville de Lillers (Souvenir Bruno Comini), gara disputata su un circuito di 18.7 km ripetuto 10 volte (totale, 187).

Fuga iniziale di Riley Sheehan (Sojasun Espoir-ACNC), Samuel Leroux (Natura4Ever- Roubaix Lille Métropole), Anthony Delaplace e Thibault Guernalec (entrambi dell’Arkéa-Samsic). Il gruppo, percorso da diversi tentativi di contropiede, era tirato dalla Bingoal-Wallonie Bruxelles. Alla fine del quinto Giro Michael Mottram (Vitus p/b Brother UK) e Kévin Avoine (CC Nogent-sur-Oise) si sono riportati sul quartetto di testa, ma poi ai -60 il gruppo ha ripreso tutti.

A questo punto sono partiti in contropiede Sébastien Havot (Nogent), Tony Hurel (St-Michel-Auber 93), Thibault Ferasse (Natura4Ever), Arjen Livyns e Julien Mortier (Bingoal) e un’altra coppia Arkéa formata stavolta da Florian Vachon e Laurent Pichon. I sette hanno raggiunto un margine di 1’15” ai -35, poi il gruppo si è avvicinato sensibilmente e ai -13 Fabien Rondeau (Laval Cyclisme 53) è rientrato su di loro.

Sulla Côte de Hurionville ai -10 Hurel si è staccato ma poi è rientrato, mentre Pichon provava invano la propria carta solitaria; ai -9 è partito allora Livyns, ben contrato da Vachon, e i due sono stati ripresi; intanto dal gruppo arrivava di gran carriera Guernalec, a sancire una superiorità netta dell’Arkéa.

Ai -4 di nuovo Vachon e Lyvins se ne sono andati, e stavolta solo Guernalec, ai -2, è riuscito a riportarsi sotto; Vachon ha provato ad anticipare la volata a tre partendo alla flamme rouge dell’ultimo chilometro, ma Livyns ha chiuso. Poco male, Florian ha comunque vinto lo sprint subito dopo battendo il 25enne belga; Guernalec è stato cronometrato a 2″. A 5″ il gruppo, che nel frattempo aveva raggiunto gli altri attaccanti, è stato regolato da Pichon su Havot e Mortier (reduci della fuga, riusciti a chiudere appena davanti al sopraggiungente plotone), e Jason Tesson (Sojasun), Colin Heiderscheid (Leopard), Maximilien Picoux (Natura4Ever) e Franck Bonnamour (Arkéa).

Archivio

La vignetta di Pellegrini

L’angolo della polemica

Versione stampabile