Fabio Jakobsen si prende il GP Monseré © Getty Images
Fabio Jakobsen si prende il GP Monseré © Getty Images

Jakobsen senza problemi al GP Monseré. Quarto Mozzato, nono Gatto

Era il favorito d’obbligo e non ha fallito l’appuntamento con il terzo successo stagionale: Fabio Jakobsen si è aggiudicato in volata l’ottava edizione del Grote Prijs Jean-Pierre Monseré. Dopo un finale di gara dominato dalla sua Deceuninck-Quick Step che gli ha preparato egregiamente il terreno, il campione nazionale olandese ha battuto allo sprint Timothy Dupont e Alfdan De Decker (Circus-Wanty Gobert), Luca Mozzato (B&B Hotels-Vital Concept), Thomas Boudat (Arkéa-Samsic), Boris Vallée (Bingoal-Wallonie Bruxelles), Florian Sénéchal (Deceuninck), Christophe Noppe (Arkéa), Oscar Gatto (Bora-Hansgrohe) e Enzo Wouters (Tarteletto-Isorex).

Prima prova della Bingoal Cycling Cup, il GP Monseré (saltato nel 2019 a causa del forte vento) si è disputato oggi sotto una pioggia incessante sulla distanza di 196.8 km tra Hooglede e Roeselare, su 9 giri di circuito di poco più di 19 km l’uno (dopo un breve tratto in linea in avvio), con la salita non impossibile del Gitsberg a caratterizzare l’altimetria.

Fuga dalla distanza con Lionel Taminiaux (Bingoal-Wallonie Bruxelles), Justin Wolf (Bike Aid) e Jens Van den Dool (Metec-TKH), vantaggio massimo per i tre che ha raggiunto i 3’40” a 7 giri dalla fine, poi Taminiaux si è staccato, e nel finale Wolf ha distanziato anche Van den Dool, ai -36; ma l’azione era già prossima a esaurirsi, e infatti il gruppo ha ripreso il tedesco ai -25. Poco prima, tra i -40 e i -30, c’era stato un velleitario tentativo di contrattacco di Torkil Veyhe (Riwal Readynez), che non era neanche riuscito a riprendere i fuggitivi del mattino.

L’ultima ascesa al Gitsberg, a 6 km dalla fine, ha giusto rimescolato un po’ le carte, ma poi la Deceuninck-Quick Step ha subito ripreso in mano il bandolo, conducendo il suo capitano di giornata alla volata vincente. Prossimo appuntamento della Bingoal Cycling Cup (in pratica una sorta di Coppa del Belgio), il Circuit de Wallonie il 21 maggio.

Archivio

La vignetta di Pellegrini

L’angolo della polemica

Versione stampabile