La Groupama-FDJ pronta a tornare in patria © Groupama-FDJ
La Groupama-FDJ pronta a tornare in patria © Groupama-FDJ

UAE Tour, Cofidis e Groupama-FDJ lasciate finalmente libere di tornare

Erano ancora quattro le formazioni ancora costrette a rimanere bloccate negli Emirati Arabi Uniti a causa di quanto avvenuto all’UAE Tour, quando due presunti casi di positività al test del coronavirus avevano portato prima alla sospensione della corsa con due tappe di anticipo e poi all’isolamento in hotel per un paio di giorni di tutta la carovana.

La gran parte delle squadre era potuta tornare a casa tra sabato e domenica scorsa con l’eccezione, appunto, di quattro compagini: una, la UAE Team Emirates, che si era messa in quarantena volontaria e che proseguirà sino al prossimo finesettimana. Le altre tre, invece, erano state bloccate dalle autorità locali in una situazione non certo trasparente: per due di esse, ossia le francesi Cofidis e Groupama-FDJ, questa odissea è finalmente terminata. Le squadre transalpine hanno oggi ricevuto il via libera per tornare a casa, recandosi ovviamente in aeroporto per prendere il primo volo possibile per il rientro.

Rimane ancora confinata in hotel, invece, la Gazprom-RusVelo: i russi non hanno ancora ricevuto alcuna comunicazione in merito e si trovano, dunque, ancora costrette a vivere questa paradossale e spiacevole situazione. Tra i corridori della compagine Professional vi sono anche gli italiani Imerio Cima e Cristian Scaroni.

Archivio

La vignetta di Pellegrini

L’angolo della polemica

Versione stampabile