Anche in Portogallo cancellazioni per il coronavirus © UCI
Anche in Portogallo cancellazioni per il coronavirus © UCI

Portogallo, stop al ciclismo per il coronavirus: rinviata la Coppa del Mondo di MTB

Anche il Portogallo si aggiunge alla lista dei paesi che devono far fronte ad uno stravolgimento del calendario ciclistico a causa dell’emergenza coronavirus: in seguito a misure adottate ieri dal governo nazionale, nelle ultime ore sono arrivate notizie di cancellazioni e rinvii. La più importante riguarda la prova inaugurale della Coppa del Mondo di Mountain Bike 2020 che si sarebbe dovuta disputare al Louzanpark di Lousã il 21 e 22 marzo prossimi: l’UCI ha già annunciato che si proverà a recuperare l’evento più avanti in base agli sviluppi sulla diffusione del coronavirus.

Ma in Portogallo viene colpito anche il calendario del ciclismo su strada. La 38esima edizione della Volta ao Alentejo, gara a tappe di categoria UCI 2.2 che si sarebbe dovuta disputare dal 18 al 22 marzo, è stata cancellata dagli organizzatori ed al momento non è chiaro se si proverà a disputarla più avanti nel corso della stagione; nel pomeriggio è poi arrivata la decisione della federazione portoghese che ha deciso di sospendere tutta l’attività almeno fino al 3 aprile, facendo quindi saltare anche la Classica da Arrabida (UCI 1.2) che era in programma per il 15 marzo e che era rimasta in bilico fino ad ora.

Resta al momento in bilico il GP Beiras e Serra da Estrela, gara a tappe di categoria UCI 2.1: si dovrebbe disputare dal 17 al 19 aprile, quindi fuori dall’arco di tempo dello stop imposto dalla federazione, ma gli organizzatori sembrano orientati verso una sospensione della prova sempre per motivi di sicurezza.

Archivio

La vignetta di Pellegrini

L’angolo della polemica

Versione stampabile