Primoz Roglic osserva il suo "gemello" © Team Jumbo-Visma
Primoz Roglic osserva il suo "gemello" © Team Jumbo-Visma

Primoz Roglic si fa in due: creato un manichino identico a lui per la galleria del vento

Una delle formazioni che nell’ultimo periodo ha migliorato maggiormente in tema di ricerca e sviluppo è senza dubbio il Team Jumbo-Visma. Una parte del merito della crescita del sodalizio neerlandese va alla collaborazione in esclusiva con la Technical University di Eindhoven, che ha portato anche alla creazione di un modello particolare. L’ateneo si è infatti dotato di una moderna galleria del vento e, dall’ottobre scorso, a poterla utilizzare in maniera continuativa è Primoz Roglic. Ma, e qui viene il bello, non è l’atleta sloveno a cimentarsi nelle sessioni quanto un suo clone: dall’autunno, infatti, un modello 3D in scala 1:1 replica alla perfezione le fattezze e la posizione in bicicletta del vincitore dell’ultima Vuelta a España.

Il responsabile della performance del Team Jumbo-Visma Mathieu Heijboer spiega i particolari di questa iniziativa: «La galleria del vento è affidabile anche per testare i materiali. Avere la possibilità di usare un manichino in 3D di un corridore rappresenta una possibilità perfetta. Non è ovviamente facile avere Primoz sempre a disposizione a Eindhoven per cui è un vantaggio avere un suo clone che, oltre ad affinare la posizione per la cronometro, ci aiuta a scegliere il miglior casco, il miglior body e via dicendo». E non è finita qui, perché l’obiettivo è di avere i manichini anche per altri corridori, anche se il costo non è affatto banale.

Archivio

La vignetta di Pellegrini

Versione stampabile